Ultimi Post

sabato 6 agosto 2011

USA: IL DOWNGRADE DEL SECOLO


















Innanzitutto leggetevi la news che casualmente stanotte ho riferito per primo in Italia, grazie alla mia prostata....:-)
Standard&Poor's ha DOWNGRADATO gli USAAA ad USAA+
vedi una sintesi in italiano delle motivazioni

A seguire alcune brevi considerazioni aggiuntive:

1- gli USA da tempo avevano già perso chiaramente la tripla AAA,
però la mossa di Standard&Poor's rimane epocale e molto pesante, in particolare perchè è stata compiuta da un'Agenzia di Rating Americana....
con buona pace degli euro-nazional-populisti che sbraitavano i loro "complotti" a causa degli inappuntabili downgrade del Portogallo, dell'Irlanda etc etc
Nota profetica: Io prevedo altri Downgrade di peso all'orizzonte....

2- Da non trascurare anche e soprattutto l'outlook NEGATIVO che potrebbe portare ad un ulteriore downgrade entro 12-18 mesi

3- Mi chiedo come cippa reagiranno le altre due Sorelle Zoccole del Rating: Moody's e Fitch.
Sarà un fattore da non trascurare.

4- Sta girando una versione un po' imprecisa: S&P downgrada gli USA, il Tesoro risponde "Errore di Calcolo", come se il downgrade fosse frutto di un errore di S&P.
Non è andata esattamente così....
Intorno alle 22 è girata la voce che S&P avrebbe emesso comunicato sul rating USA; nel frattempo l'analisi era stata sottoposta al Tesoro USA che avrebbe trovato un errore di calcolo da 2 trilioni (!) in base al quale ha chiesto a S&P di ripensarci; S&P ha considerato l'errore non rilevante (pur riconoscendolo in via informale) ed ha confermato lo stesso il downgrade degli USA, visto che quell'errore non cambiava le motivazioni di base che hanno portato al downgrade.
Un po' diverso vero?
Fermo restando che un errore di calcolo da 2 trilioni è un "filino" grossolano...: giustamente Casa Bianca e Tesoro lo stanno usando come clava.

5- Immediatamente Fed, FDIC, NCUA e OCC sono uscite con un comunicato a banche, assicurazioni etc etc
....are providing the following guidance to banks, savings associations, credit unions, and bank and savings and loan holding companies (collectively, banking organizations)
nel quale si afferma sostanzialmente che con il downgrade di S&P per loro non cambia una cippa...
For risk-based capital purposes, the risk weights for Treasury securities and other securities issued or guaranteed by the U.S. government, government agencies, and government-sponsored entities will not change.
The treatment of Treasury securities and other securities issued or guaranteed by the U.S. government, government agencies, and government-sponsored entities under other federal banking agency regulations, including, for example, the Federal Reserve Board’s Regulation W,
will also be unaffected.
6- I democratici sono incazzati neri ed hanno iniziato una crociata di delegittimizzazione delle Agenzie di Rating, sullo stile degli euro-naziona-populisti...
Vedi le ramazzate di Paul Krugman e quelle di Robert Reich
I Repubblicani invece stanno gongolando e sputtanando a più non posso Obama come il Presidente che ha fatto perdere agli USA per la prima volta nella storia la tripla AAA, che detenevano da 70 anni.
Tutto questo non può che INDEBOLIRE ulteriormente la già Fragile Situazione Politica degli USA, con tutte le conseguenze del caso.
Per chi vuolesse farsi due risate, ecco la dichiarazione del mitico Warren Buffet che ha deciso d'ignorare il downgrade di S&P, dicendo che per lui gli USA sono ancora Tripla AAA e che se ci fosse la Quadrupla AAAA, lui gliela assegnerebbe...ah! ah! ah! ah! (4 volte...)
America's most trusted investor, Warren Buffett roundly dismissed the S&P downgrade in comments to Fox Business.
"I don't get it. In Omaha, the U.S. is still triple A. In fact, if there were a quadruple-A rating, I'd give the U.S. that."
7- A breve arriveranno i downgrade "di riflesso" di S&P su Banche, Istituzioni Finanziarie, Assicurazioni etc etc made in USA.
Sarà molto importante monitorarli.
Ecco perchè ieri la zombie-BofA ha perso il -7,47%....:-)
More S&P Downgrades Expected
After it took the dramatic step of downgrading U.S. debt Friday, ratings firm Standard & Poor’s said it would “issue separate releases concerning affected ratings in the funds, government-related entities, financial institutions, insurance, public finance, and structured finance sectors” on Monday..............
EFFETTI A CATENA TEORICI:
Considerando che TUTTI nel Globo Terracqueo sono imbottiti di Bond Americani ex-tripla AAA.....
i DOWNGRADE a catena dovrebbero coinvolgere anche altri STATI
(Cina?...)
Da Pechino durissimo comunicato: «Subito soluzioni per il debito strutturale». La Cina è il primo creditore degli Stati Uniti
e le Istituzioni Finanziarie di altri Stati....
o no?...;-)
Pensate per esempio che il Downgrade della "piccola" Grecia ebbe conseguenze negative sul Rating delle Banche Francesi
Moody's mette sotto osservazione le banche francesi a causa della Grecia

e poi fate 2+2....

8- Considerando che la Richiesta globale di asset tripla AAA era coperta al 59% dagli USA che ne offrivano a pacchi...dove cippa si potrà spostare la richiesta istituzionale di asset Tripla AAA visto che gli altri emittenti non riusciranno più a coprire la richiesta globale con le loro emissioni assai più ridotte di quelle USA?
Chissà cosa succederà al Bund Tedesco.....

chart
The truth is, there just isn't that much other AAA-rated material out there for people to jump into.
9- Solo ad Aprile scorso il Sgeretatio al Tesoro USA Tim Geithner aveva baldanzosamente dichiarato che il rating tripla AAA degli USA non era assolutamente a rischio....
E già la sua credibilità non è mai stata adamantina...
Timmy Geithner was on Fox News in April SPECIFICALLY stating that there was "NO RISK" that the US could lose it’s AAA rating. Read the article or watch the video....
Queste sono le prime considerazioni aggiuntive.
Credo che questo DOWNGRADE e le sue conseguenze diventeranno un bel Tormentone....

Sostieni l'informazione indipendente e di qualità


72 commenti:

Anonimo ha detto...

Io aggiungerei che per recuperare il tripla A il Congresso spingerà per nuovi tagli e così favorirà un rallentamento della crescita, che diventerà una nuova recessione globale che, politicis sic stantibus, porterà l'Italia dritta al default entro l'anno.

Game over amici

Andrea

Beatotrader ha detto...

andrea
quello che dici è assolutamente sensato

sarei più cauto sul default Italia
finchè possiamo giocarci una patriminiale da 600 miliardi su 1900 di debito
e finchè abbiamo asset per 8000 miliardi...

diciamo che la tendenza attuale prima o poi porta al default
anche dopo una patrimoniale
ma non è detto che non si riesca a cambiare...

certo che se i mercati ci massacrano a gran velocità
il defaul potrebbe arrivare er questioni di tempo e di imperizia di sta Casta d'incapaci cerebrolesi al governo ed all'opposizione

Anonimo ha detto...

Un dubbio che non ha mai trovato risposta . Se la Germania si sgancia dall'Euro tornando al Marco che differenza c'e tra
- detenere un conto Euro in Svizzera
- detenere un conto Euro in Germania
- detenere contanti emessi dalla Germania (codice X)
Cosa potrebbe accadere in ognuno dei tre casi,in fantafinanza sempre meno fanta ?
grazie

Anonimo ha detto...

Temo la follia degli uomini, più dell'ira degli dei. Per questo sono pessimista.

Speriamo in un rinsavimento generale.

Andrea

Anonimo ha detto...

per me lunedì lo spread tra bund e btp si allargherà tantissimo. Tutti a richiedere i bund crukki che mantengono la tripla A

Beato, 600 miliardi di patrimoniale ce li siamo praticamente già giocati grazie ai pagliacci della conferenza "di emergenza" di ieri.

E poi quando senti dire in giro "io stò tranquillo perchè ho via abbastanza soldi" e poi scopri che si tratta di diecimila euro dove può andare l'Italia ?

Quei pochi con le () () se ne andranno e l'italia (la parte industriale sana) sarà svenduta a francesi e tedeschi

BMWFOREVER

Beatotrader ha detto...

anonimo
aprire un conto in euro in Germania ha assolutamente un senso
meno grane che con la Svizzera
ma poi entri interritorio molto ignoto...:-)
in caso di euro-crack può succedere un po' di tutto
difficile dire cosa succeda agli euro di un residente italiano detenuti in un filiale tedesca in territorio tedesco...

Beatotrader ha detto...

caro BMW
non dovete mai sottovalutare Paolo Barrai che provoca assai ma la vede lunga
ANNESSIONE VOLONTARIA ALLA GERMANIA
prima che sia tardi
con incorporata la Seccessione dal SUD
altrimenti non ci prendono...:-)

sono provocazioni
ma hanno un senso....

Pietro ha detto...

Beato, Sulla sicurezza della Germania ho più di un dubbio..

Come tu stesso hai più volte detto, la delocalizzazione e sudamericanizzazione arriverà anche a loro....è solo questione di tempo...., vedi BMW, VW, Mercedes, Siemens, ecc....; e le non proprio sane casse in stile Deutsche Bank.... .

Personalmente credo al max entro 2 anni, ma potrebbe succedere molto prima... .

Beatotrader ha detto...

pietro hai ragione
ma al momento vedi qualcosa di meglio tra le economie avanzate???

Inoltre mettere soldi in Canada o Norvegia non è cosa agevole rispetto ad un conto in Germania...
oppure se preferisci prova con Singapore...:-)

in ogni caso le soluzioni he adottiamo di questi tempi non sono per sempre ma su archi temporali di 6-12 mesi
poi magari prendi i soldi e li sposti in un conto del Burkina Faso...che magari tra 12 mesi sarà la nuova potenza economica mondiale...:-)
tutto può essere ormai

va sottolineato come queste soluzioni non sono LA SOLUZIONE
ma solo delle uscite di sicurezza
dei tentativi in più di difesa che ci danno maggiori possibilità
ma non è detto che funzioneranno

Pietro ha detto...

Beh.....ci sarebbe un'altra soluzione per chi vive in questa povera Italia.

Qualcuno potrebbe pensare di depositare qualche soldo in quella banca benedetta dal Signore che sta nel centro di Roma....

E'la banca di uno Stato che ha attraversato indenne 2000 anni di storia.....

Ovviamente è solo una provocazione...

Anonimo ha detto...

Ma chi le caga piu le agenzie di rating solo i fessi

Beatotrader ha detto...

no
non le cagano solo i fessi
hanno ancora un notevole potere
ma non pretendo che chi non capisce molto di economia/finanza possa comprendere
anche se io provo a spiegarvi

Matteo ha detto...

- il presidente nero ha portato gli usa nel baratro (pensa che coincidenza)
- la signora che è in "vacanza" in trentino ha vinto la prima guerra mondiale economica (lei lavora anche in vacanza e dorme con gli occhi aperti come Beato)
- il bund sarà il riferimento mondiale
- inizia l'era del quarto reich (Barrai profetico) o con loro o contro di loro (basta vedere l'efsf, bce...)
- buffet pensava di contare e l'ha presa nel culo (quanti treasury aveva in berkshire?)
- soros sapeva già tutto.....
- krugman sta morendo.... dalle risate!!

sta mattina ignaro di questa bomba atomica mi leggo il messaggero veneto e ti trovo in seconda pagina.....

Anonimo ha detto...

Beato Stefano
è vero, l'Italia possiede ingenti assets: immobili, beni artistici, valori mobiliari privati
ma alla fine della fiera, comunque vada, con o senza patrimoniale, una cosa è certa: saremo tutti più poveri perchè a me hanno sempre insegnato che i debiti, prima o poi, vanno pagati, onorati, saldati.
se non faremo dafault, comunque con qualcosa dovremo pagare
spero solo che non sia con il cu.....
dobbiamo rivoltare il Paese come un calzino, creare le condizioni per un forte sviluppo, SOLO COSI POTREMO PAGARE ANCHE I DEBITI PIU DURI
leggi il Sole24ore di oggi, supplemento Plus, si comparano i PIL di vari Paesi. Svezia +7,3% Australia + 3,2% Canada +3,9% Germania +5% Svizzera +2,4% con una valuta che rende "impossibili" le esportazioni
MA PERCHE' NON POSSIAMO ANCHE NOI CRESCERE COSI??? certo, non continuando con le politiche economiche degli ultimi 25 anni, in particolare gli ultimi 10..
va benissimo i tagli agli sprechi, ma senza un forte sviluppo del PIL, moriremo anche se pagheremo i debiti.................
Daniele

Daniele ha detto...

--forte taglio delle tasse, ma forte davvero, in cambio della immediata galera a chi viene colto evasore. pagherebbero tutti, anche quelli che oggi evadono e con la loro quota si compensano le minori entrate.
--dissolvimento della folle burocrazia.
(ma vi siete mai chiesti perchè questo sistema, perche non si combatte davvero l'evasione? e sennò come si pagano le tangenti? con un bonifico bancario?)
--nuova giustizia civile con processi veloci e pene certe
--nuovo statuto dei lavoratori, più tutele a chi lavora e più salario anche grazie al diminuito carico fiscale, in cambio ,indennità di disoccupazione, in cambio, possibilità di assumere e licenziare liberamente
--assistenza alle famiglie, alle donne lavoratrici, par-time e rispetto alle donne che fanno 3 lavori( lavoro, mamma, casalinga e che sono più brave di noi uomini)
--una legge elettorale che dia una vittoria sicura anche a chi non ha la maggioranza, non si può governare se mettiamo insieme 5-6-7-partitini, l'ultimo vorrà comandare e lo farà
-- dazi alle merci che provengono da paesi che sfruttano e sottopagano, anche se si tratta di aziende italiane che producono all'estero. in questo modo si tornerà a produrre e assumere in ITALIA

con queste poche fondamentali cosucce, il PIL del 2012 sarà del +6% e fanculo a chi ha scommesso contro il ns btp
scommettiamo?
Daniele Aiolfi

Anonimo ha detto...

stefano, in riferimento all'anonimo delle 10.45, secondo te gli EUR detenuti in svizzera, nel caso di uscita della germania dall'euro, verebbero convertiti in euro nuovi o resterebbero euro vecchi? (paolo dice nuovi). nel secondo caso, come vedresti singapore e in che valuta?
grazieeeee
DeeJay

Beatotrader ha detto...

mah
in teoria nuovi
perchè dovrebbero essere solo gli euro in Italia a "perderci"
altrimenti come fai?
distingui all'estero tra tutti gli euro dei residenti italiani e li svaluti?
mmmm difficile
ma sono tutte ipotesi
tutto può succedere
ripeto: si hanno solo delle possibilità in più

su Singapore facevo una battuta visto il PIL super, il rating, etc etc
ma non so dirti come fare ed in quale valuta
dovrei approfondire

Anonimo ha detto...

mi chiedo perchè non guardare direttaemnte ad una soluzione più radicale rispetto a quella europea? perchè non il brasile dove si cresce a ritmi superiori all'8% e dove c'è spazio di crescita senza tante complicazioni europee?

un taglio netto fin che l'euro ha un valore lo si trasformain reale e si vive li non vedo perchè dannarsi con le burocrazie europee e le regole dei tedeschi ma chi se ne frega

marcello

Beatotrader ha detto...

marcello
ho citato anche Singapore
vanno bene anche altri Emergenti che però vanno presi con le pinze e con competenza e conoscenza

vedi dovete cambiare assolutamente mentalità
non è che uno dice
il Brasile va bene metto tutti i mie soldi lì perchè pompa
oppure metto tutto in bund tedeschi
o tutto in Svizzera

BISOGNA DIFFERENZIARE IN MODO EQUILIBRATO E STUDIATO IN BASE AL PROPRIO CONTESTO ECONOMICO-FINANZIARIO PERSONALE

non esiste puntare su un solo cavallo
idem nel trading
ne ho visti tanti che puntavano tutto su Tiscali....o tutto sui Bond Argentini...

Anonimo ha detto...

allora ... lunedì tutti si buttano sul BUND tedesco (ha ancora la tripla A vero???). E se dico tutti, significa che arrivano palate e palate di soldi...in uscita dall'area USA.
E proprio lunedì si annuncerà l'EURO BOND che stabilizzerà le tensioni sui periferici.
Quello che proprio non capisco è come mai un agenzia di rating americana possa aver servito un assist di questo tipo all'europa.
MAH... avrà fatto i suoi conti...

Beatotrader ha detto...

x Marcello da Roma
complimenti per la serie di sproloqui insultanti del tuo commento (finito in spam insieme all'autore..)

Tu mi giudichi su una conclusione di un articolo iper-sintetizzato da 1h d'intervista
Il discorso della crescita e le soluzioni le trovi nel mio blog
che dici di leggere solo saltuariamente
leggilo di più o non giudicare e tacitati

Ed il modello che scelgo io per sostenere il mio blog sono fatti miei
anche perchè non ce ne sono molti altri in Italia come già analizzato più volte
ma voi ignoranti del Web non capite

dunque fai una cosa
scrocca e stai zitto
oppure levati dai coglioni e non leggere il mio blog
se tanto di danno fastidio i richiami a non fare il parassita
non ti rimpiangerò di certo

Beatotrader ha detto...

mah
la fuga sul Bund è da vedere
anche perchè l'offerta è troppo bassa rispetto ad un ipotetico travaso totale da t-bond USA è affini

io credo che la ragione del down di S&P sia composita
non so se sia politica (di stampo repubblicano) ma non credo
penso piuttosto che S&P abbia raginato da MULTINAZIONALE...ed abbia detto
ho fatto minkiate con Lehman ed i subprime
adesso gli USA in tutta evidenza non sono AAA
io faccio l'imparziale indpendente
e fotto fette di mercato alle altre agenzie di rating
tanto ormai non mi baso solo sugli USA ma anche io sono globalizzata

potrebbe avere un senso

Anonimo ha detto...

che ne dite dello yuan?
ma senza avere un conto in banca, convertirli al mercato nero e tenerli in cassaforte?

Beatotrader ha detto...

lo yuan?
ma scherzi?
Con quella manica di burocrati dittatoriali ex-comunisti che lo manipolano come uno yo-yo....

lascia perdere

il problema è che andavano benissimo franco svizzero, bund (detenuti in filiale tedesca in Germania) ed oro fisico
ma bisognava muoversi almeno 1-2 anni fa
adesso i rischi sono cresciuti
un po' come se compravi Apple a 50 dollari o se la compri adesso a 400....;-)

Anonimo ha detto...

l'offerta crescerà con l'eurobond. Ed i soldi in fuga dai Tbond magari investono anche le depresse quotazioni di grandi aziende europee (le banche in particolare).
Vista così, si capirebbero meglio certe decisioni (o non decisioni) dei leader europei (e della BCE in particolare). Mi riferisco in particolare a quel tentennare continuo per lanciare l'Eurobond. Forse aspettavano proprio quest'evento per iniziare...ed i soldi per fare l'eurobond li portano giustappunto gli investitori in fuga dagli USA.

Beatotrader ha detto...

ehhh l'eurobond....
ha da venire ancora...;-)

Ma poi uno deve guardare sempre ai fondamentali economici
tu fai un eurobond
il che per salvarci il culo nel breve a noi va bene...

ma se poi le economie di Portogallo, Grecia, Irlanda, Spagna, Italia (parliamo di circa 1/4 dell'economia eurozona)
continuano a far cagare ed hanno tutti i problemi strutturali del caso....per rendere probabile che in futuro non faranno molto bene...
l'Eurobond avrà problemi
stanne certo..

l'unica soluzione che possa funzionare è un eurobond
ma con il timone della Nuova Federazione Europea in mano alla Germania (+Francia+Olanda ovvero i dominanti allo stato attuale delle cose)
che abbia potere notevole sull'Italia etc
saremo schiavi loro?
diciamo che saremo "sottoposti" o più marginali
come accade in tutte le Federazioni dove hai delle componenti leader e delle componenti più marginali (accade anhe in USA)
ma non è detto
se la pianteremo di fare i cazzoni e ci sapremo smediovalizzare per bene...
magari tra 10 anni la Germania s'indebolirà e noi prenderemo maggiore leadership nella Federazione

Anonimo ha detto...

downgrade Usa? Mossa concordata e studiata a tavolino da tempo!Le grandi manovre politico finanziarie procedono sui binari prestabiliti !O pensate veramente che siano così sprovveduti?Hanno come analisti politico-strategico-finanziario le migliori menti del pianeta ,al loro servizio.si l'avidità può far commettere anche parecchie coglionate ,ma hanno parecchi mezzi per imburrare il cetriolone per noi(shock economy) l'hanno già usata e continueranno ad usarla!Il downgrade non già un bello shock?Ce ne saranno altri!NON DUBITATE!Le masse chiederanno pietà , aiutateci a superare la crisi ed i leaders ,magnanimamente ce lo sbatteranno su per il c...o(qui in Italia si parla di modificare lo statuto dei lavoratori per superare la crisi!!!chiaro?INFATTI E' UNO DEI PROBLEMI PRINCIPALI LO STATUTO DEI LAVORATORI!!!)
.alessandro

Beatotrader ha detto...

alessandro
sai che io non condivio il complottismo provvidenziale e deterministico imposto dall'altro
le cose sono sempre più complesse di un gruppetto di vigli urban che sa tutto e dirige il traffico...;-)

in ogni caso ogni lettore si lamenta su qualche riforma che non gli va
è normale
ogni riforma profonda scontenta qualcuno più di altri
MA DOBBIAMO PARTIRE DA QUALHE PARTE
altrimenti rimaniamo fermi e siamo fottuti

interessante in un blog usa e nei commenti
come ci giudichino uno STATO SOCIALISTA
intendo l'Italia...
fa riflettere

Anonimo ha detto...

Ormai il dominio del capitalismo in stile metaOVERnazionale ha gettato anche l'ultima maschera. Niente e nessuno li può più fermare, con gli stati in ginocchio e i mercati allo sbando, le multinazionali fanno profitti stellari, ma li fanno perché loro sono già OVER e ci stanno portando tutto e tutti.

daimon

Beatotrader ha detto...

ehhhh
a me lo dici caro daimon...:-)

ma il problema è che non vedo vie d'uscita contro questa tendenza inarrestabile
azzardo che il colpo di grazia è avvenuto con la caduta del Comunismo che CONTROBILANCIAVA (mi riferisco solo alla funziine geo-economico-politica e non di un giudizio di valore sul Comunismo come realizzazione storica...altrimenti...)
dopo la fine del Comunismo è arrivato il liberi tutti
solo profitti e consumismo ovunque e ad ogni costo
ed eccoi qui
senza soluzioni per difenderci
ma con al limite qualche ricetta per mettere un po' di zucchero alla pillola
o per difenderci un po' meglio nella Jungla della mors tua vita mea

Anonimo ha detto...

Peccato che si parta sempre nel metterla in culo alla massa!E di cose da fare ce ne sarebbero..!!(guarda che che per sgomberare il campo subito,ti dico che sono un libero professionista!)PECCATO CHE SIA PIU' FACILE MASSACRARE CHI NON HA DIFESE!Ci giudicano stato socialista?? perchè cos'è un male???Lo stato deve essere al servizio della persona non come negli Usa che è al servizio delle elites! Quindi i blogger ed i commentatori in america farebbero meglio ad andare a cagare prima di criticare l'italia! Sono un branco di minchioni ubriaconi che pensano di vivere in una democrazia(ahahah!)infatti possono scegliere se farsi fottere dai repubblicani o farsi fottere dai democratici!!!QUI IL PROBLEMA IN ITALIA E' MOLTO SEMPLICE E MOLTO DIFFICILE ALLO STESSO TEMPO!!SACRIFICIO E SACRIFICIO!E QUESTO NON SIGNIFICA DI CERTO RINUNCIARE AI DIRITTI SOCIALI,SACROSANTI!!!MA UNA COSA MOLTO PIU' DIFFICILE! SIGNIFICA DIRE NO!AL CLIENTELISMO, ALLA RACCOMANDAZIONE ,AL PIACERINO ,ALLA DEROGA ALLA LEGGE,ALLA RIMOZIONE DELLA CONTRAVVENZIONE,AL POSTO DI LAVORO RICHIESTO AL POLITICO PER UN FIGLIO CHE NON SA FARE UN CAZZO E NON HA VOGLIA DI FARE UN CAZZO! MERITOCRAZIA INNANZITUTTO! USCIRE DI CASA LA MATTINA PER GUADAGNARSI DA VIVERE(come una volta) NON USCIRE DI CASA PER ANDARE SUL POSTO DI LAVORO PER FAR PASSARE LA GIORNATA CON IL MINOR IMPEGNO POSSIBILE!TORNARE A RISPETTARE GLI ALTRI,ANCHE FACENDO BENE IL PROPRIO LAVORO SI RISPETTANO GLI ALTRI!!!!CI SIAMO DIMENTICATI CHE VIVIAMO IN SOCIETA'?
.alessandro

Beatotrader ha detto...

okkey okkey alessandro
STAI CALMO!
io dicevo solo che da qualche parte bisogna iniziare...
e che ciascuno di noi NE DICE UNA DIVERSA...
ecco perchè non è facile

lo stato socialista va benissimo a certe condizioni, se lo intendiamo uno stato al servizio della comunità e non delle lobbies, concordo
ma mi sembra un po' in contraddizione con la tua affermazione successiva
MERITOCRAZIA INNANZITUTTO! USCIRE DI CASA LA MATTINA PER GUADAGNARSI DA VIVERE(come una volta) NON USCIRE DI CASA PER ANDARE SUL POSTO DI LAVORO PER FAR PASSARE LA GIORNATA CON IL MINOR IMPEGNO POSSIBILE!
;-)

in ogni caso non riesci ad esprimerti meno incazzato?
grazie

Anonimo ha detto...

beato, è proprio questo il punto. Non solo non ci sono più difese, ma le 'global' sono di fatto inattaccabili. Se le multinational stanno vivendo una nuova forma di imperialismo globale, noi dovremo trovare nuove maniere di vivere, occorrerà essere sempre più vicini all'effetto multiglobal. Più sale il grado di global nel nostro essere e più si potrà resistere a questa tendenza inarrestabile.

daimon

Anonimo ha detto...

No sono incazzato sono solo addolorato per la situazione in Italia ,una nazione che ha potenzialità enormi ma che si trova per ignavia( e non solo purtroppo) in condizioni pietose.Parlo con le persone e mi dicono ,è sempre stato così!(ecco questo mi fa INCAZZARE)Non è vero non è sempre stato così!Prima era diverso !La discesa è stata lunga e costante!Ho rivisto una intervista di enzo biagi a Pasolini(bianco e nero in tv)anni settanta ! Non eravamo come oggi!Stato sociale non significa assistenzialismo a pioggia !Non è stato sociale ma è clientelismo all'italiana .Guarda che la meritocrazia non è contro lo stato sociale.In uno stato sociale non posso pretendere di fare il primario di cardiologia(che mi fanno fare xchè sono raccomandato)e sperare che non arrivi nessuno veramente grave xchè non saprei che fargli( guarda che non è una barzelletta ,credimi!)Stato sociale significa rispettare gli altri e se non so fare altro vado a fare lo spazzino ! Saro' utilissimo anche lì se farò bene il mio lavoro e se non sarò in grado di fare alcun lavoro prenderò assegno di mantenimento,ma se NON HO VOGLIA DI FARE ALCUN LAVORO FARO'LA FAME!!!
.alessandro

Anonimo ha detto...

Il problema alla fine è sempre lo stesso!!E' la gestione maldestra della finanza che provoca caos all'economia reale(quella vera!!).La soluzione potrebbe essere la messa al bandodei CDS e degli spread,che sono strumenti creati apposta per distruggere lo Stato e tutto il popolo.E' sempre alla base il problema,ma la politica da colpe alla crescita che non c'è,per giustificare al meglio la loro incapacita',e stritolare sempre di piu'il cittadino,continuando loro a sguazzare in questo sistema caotico che di fatto gli aiuta perfettamente con il loro magna-magna,e che secondo me preferiscono avere,perche un sistema con alla base il marcio necessita di piu' risorse per poter stare in piedi.Da come la vedo io,la soluzione piu' semplice per poter stabilire una pace economica sarebbe quello di separare la finanza dall'economia adottando due monete diverse.Diciamo l'euro per l'economia e un'altra per la finanza,in modo tale da non permettere alla finanza di devastare l'economia e lo stato sociale
Giuseppe

Beatotrader ha detto...

vedi caro giuseppe
la finanziarizzazione dell'economia è una delle cause primarie ma da sola non basta
c'è anche la globalizzazione selvaggia
e le due cose sono collegate più di quanto si pensi

in ogni caso colpire la finanziarizzazione non è facile
per esempio togli i cds e domani ti fanno i cds2....
fai regolamentazioni in usa , ue etc
e domani sbuca fuori un prodotto derivato in cina e tutti vanno lì
inoltre non puoi colpire solo lo short come tanti fessi vi raccontano in giro
visto che le peggiori bolle sono state rialziste...

insomma il modo più efficace che io vedo per diminuire la finanziarizzazione è
1- ridurre la leva il più possibile in modo che un desk degli UK con 5 milioni di euro non ne possa muovere 5 miliardi alterando l'asset del giorno
ovvero solo con grana reale si possono fare le cose
2- eliminare tutti i derivati complessi ed in leva: si opera il più possibile solo su assets REALI e non inventati da geni della matematica od impacchettati con merda&risotto assieme

ma so benissimo che è solo utopia

Anonimo ha detto...

@Beatotrader
Sono d'accordo con te fino ad un certo punto.

Non dimentichiamoci mai che siamo arrivati a questo punto perchè NON SI E' VOLUTO far fallire un gruppo ben definito di banchieri mondialisti.

Il mercato funziona secondo il SACROSANTO principio che, se fai troppi debiti e non riesci a pagarli, devi fallire. Proprio gli USA (di cui ero un ammiratore) hanno declinato a questo principio!!!!(sic!!!).

Se quei banksters fossero stati fatti fallire oggi avremmo tutto un altro mondo.
I SOLDI PUBBLICI SONO STATI E (cosa triste) SARANNO UTILIZZATI PER SALVARE IL SISTEMA FINANZIARIO PRIVATO.

Per esempio, io sono sorpreso che ancora non ci siano azioni dimostrative verso determinati personaggi o aziende. Per esempio, penso a Blankfein, Greenspan, Rothschild, Soros, i nostri Monti e Prodi...ovvero coloro che hanno disegnato a tavolino questo sistema mondialista (sono lobbysti non complottisti e Adam Smith aveva avvertito che sarebbe stato necessario evitare riunione oligopolistiche....si sarà rigirato nella tomba!!!)
Mi fanno ridere questi black bloc che si esaltano con i caschi a volto coperto mentre lanciano i sassi a quei poveri disgraziati di poliziotti messi lì da qualcuno...mentre non ci pensano neanche a sfasciare l'ufficio milanese di Goldman Sachs dove veramente colpirebbero un simbolo.

Anzi, pensa al cortocircuito!!
Proprio alcuni che riconoscono i valori dei black bloc sono quelli che sarebbero felici di vedere un Governo tecnico con Monti.....(doppio, triplo sic!!!) Oppure pensa a come certa sinistra italiota e provinciale osanna personaggi come Krugman solo per il fatto che ha l'etichetta di keynesiano (con nobel quindi anche un pò radical-chic, che non guasta...scrive pure per il Corriere!)

Solo se premettiamo tutto questo, possiamo incominciare a parlare del resto, compreso il fatto che l'Italia ha un debito eccessivo e deve fare di tutto per tamponarlo.
Ma lo deve fare per tutelare la sua gente e le generazione future e non per salvare UNICREDIT....credo che ci siamo capiti;-)

Finisco con una nota sui beni rifugio.
Io punterei sulla terra agricola. Tra l'altro mi sembra avere molti margini di crescita...proprio perchè ad oggi non la vuole nessuno!!

ciao
sinbad

Beatotrader ha detto...

caro sindbad
guarda che della privatizzazione degli utili e della socializzazione delle perdite
o del più grosso scaricabarile della storia dal debito privato a quello pubblico ne parlavo già secoli fa (cerca articoli nel blog)

ma non è così semplice
non è solo colpa della finanza o delle banche
anche qui avevo scritto un articolo in merito proprio in apertura Blog
"quei maledetti finanzieri non vivono su marte..."

in ogni caso le banche andavano nazionalizzate
e dopo due anni dalla Grande Crisi non saremmo a questo punto
sicuramente
ma ripeto la finanziarizzazione
va collegata alla globalizzazione

ciao

Beatotrader ha detto...

ps
della nazionalizzazione delle banche ne parlai nei primi post di questo blog a marzo 2009

Anonimo ha detto...

Ciao Stefano, ho sentito dire che i mercati in questi giorni venderebbero i bonds di'Italia Spagna ecc. anche perche in questo modo lanciano un segnale ai politici dicendo di non essere disposti a pagare una parte delle eventuali perdite;in particolare, il piano Grecia prevede un piccolo haircut dei bonds greci ed anche se l'Europa afferma che non accadra per altri paesi, naturalmente non ci credono e quindi implicitamente avvisano gli europei che se cominciate la politica degli haircut noi non vi imprestiamo piu.E vero secondo te?
Saluti, Giorgio da Atene

Anonimo ha detto...

@Beatotrader
Lo so...lo so..che lo dicevi prima di chiunque altro...non per niente sono un tuo ammiratore!

Il senso era che oggi il dibattito è tutto concentrato sui debiti sovrani dimenticandosi tutta la storia, ormai pluriennale, di come si è arrivati a questa situazione.

Comunque voglio sfrugugliarti. Guarda cosa diceva questo blog nel maggio 2008 e cerca di indovinare chi fosse l'autore ;-)
http://azimut72.blogspot.com/2008_05_01_archive.html

con simpatia
sinbad

Beatotrader ha detto...

però sindbad
niente male...;-)

sì hai ragione
anche se non è l'unica causa
bisogna tornare a parlare del grande scaricabarile di 2 anni fa

del resto molti nodi stanno arrivando al pettine

un cordiale saluto

Beatotrader ha detto...

mah Giorgio...mah...
io credo semplicmente si si scarichino assets considerati a rischio
non so se questo sia da considerarsi un messaggio trasversale

tanto ormai sono cazzi per tutti
come spiega bene mercato libero
http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2011/08/italia-la-situazione-sfugge-di.html

Anonimo ha detto...

no no stefano, io su singapore dicevo sul serio, avendo lavorato per 4 anni meta' tempo in italia e meta' tempo in malesia la cosa potrebbe essere interessante. e ti assicuro che la tigre asiatica tira... eccome se tira... mi informero' in modo piu approfondito
grazieeeee
DeeJay

Beatotrader ha detto...

nemmeno io scherzo su Singapore
è più complicato di altre soluzioni
ma sen'altro val la pena di approfondire
ed anche io lo sto facendo
ma non è una soluzione per tutti

un cordiale saluto

Anonimo ha detto...

credo che gli americani facciano confusione tra stato socialista e stato stotalista di stampo sovietico, noi siamo la seconda delel due del primo non abbiamo assolutamente nulla se non la porpaganda di regime che vuol fare credere che opera nella difesa delel classi sociali più sfigate ma in realtà difende i ricchi burocrati e i loro privilegi

Nick ha detto...

Salve,per aprire un conto in Svizzera bisogna presentarsi personalmente in una filiale per convalidare la firma e poi basta fare un bonifico dall'Italia?
Mille grazie.

Beatotrader ha detto...

sì è così
sicuramente per postfinance
ovvero la "banca" delle poste svizzere
ma per soluzioni più complete rivolgiti a Mercato Libero che si è organizzato molto bene

attenzione però
ribadisco i rischi
1- uno aumenta le proprie possibilità di scamparla in casi estremi ma non è detto che sia la salvezza. Potrebbero colpire anche quei conti anche se è molto più difficile
2- okkio se uno converte i soldi i franchi svizzeri: il franco adesso è fortissimo per ragioni che ben sappiamo ma non per basi fondamentali, Se l'euro non fa crack si richia di perdere anche il 20% sul cambio
3- In svizzera si vocifera di mettere tassi negativi sui conti aperti da stranieri altrimenti il loro franco va in orbita e loro sono messi male. Difficile che lo facciano...ma chissà...
4- il fisco italiano ha inserito la svizzera nella lista paesi grigi, dunque se canni anche di una virgola la dichiarazione paghi una multa 10 volte maggiore al normale
Inoltre è assai più probabile che ti arrivi un controllo del fisco

detto ciò
per chi ha capitali consistenti
differenziare anche su altri paesi/valute è d'obbligo
NON METTERE TUTTO ma differenziare
e tenendo ben presenti i pro ed i contro

Luca ha detto...

@Capezzone (ergo Sinbad ergo Azimut72)

Complimenti per il sillogismo Prodi-Monti-blackblock-Goldman Sachs-sinistra italiota...
Buttarla furbescamente in politica nascondendo la mano ed auto-celebrarsi grazie a due slogan in un blog..
Peccato che nel 2007 chi non fece fallire le banche fu un certo Giorgino Bush...peccato che negli ultimi 15 anni in Italia si sia scritta tutta un'altra storia che lei nemmeno cita....che invece di oligopoli abbiamo monopoli (televisivi ad esempio)....forse perchè non raccontata da telegiornalisti a volto coperto tipo Bruno Vespa?

PS: che ridere....terreni agricoli che nessuno vuole...qui si palesa tutta l'ignoranza, (in senso di ignorare la realtà dei fatti)...basta con questo qualunquismo e con questi slogan da bar!

Beatotrader ha detto...

vi pregerei di usare toni più pacati
grazie
altrimenti si rischiano liti poco costruttive

Luca ha detto...

@ beato trader
ok, mi daresti un tuo commento sull'investimento immobiliare in fondo agricolo? A parte i prezzi attuali al di fuori di qualsiasi logica di mercato (la produzione senza sussidi per essere collocata sul mercato necessiterebbe di un costo del fattore produttivo terreno pari ad 1/10 dell'attuale), quale ritorno/protezione assicurerebbe detto investimento? Quale logica sottostante intravedi se non un ritorno all'economia rurale basata sullo scambio?
Allora io aggiungo un collaterale e significativo investimento in armi.....

Beatotrader ha detto...

caro Luca
così va benissimo...:-)
ce l'avevo con i toni e non con la sostanza

io non ne so una cippa di investimenti in fondi agricoli
mica posso sapere tutto...;-)
come idea mi piace moltissimo ma non so se abbia senso da un punti di vista finanziario
intendo se abbia più senso che shortare BTP...:-)

l'investimento in armi sarebbe il migliore
un long a stecca
intravvedo guerre all'orizzonte
questi anni ricordano molto gli anni 30...
ma sto scherzando
sono troppo idealista per queste cose

altrimenti non sarei qui a fare sto blog cercando di reggerlo soprattutto sulle vostre spontanee donazioni...
infatti il 98% di voi mi fotte allegramente
e me lo merito...:-)


adesso mi lasciate concentare che devo smontare la bufala dell'errore da 2 trilioni di S&P?
ciao

Anonimo ha detto...

Certo che se le borse di Israele ed Arabia Saudita indicano, per quanto possibile un trend,domani sara' una giornata epocale.
saluti
GC

Anonimo ha detto...

Che ridere!!...sono stato paragonato a Capezzone!!

Argomento sul terreno agricolo.
La mia idea è sicuramente per un investimento a lungo termine.
Ciò che dice Luca sugli eccessivi costi di produzione è vero ed è il motivo per cui molte aziende di famiglia preferiscono mantenere i loro campi incolti piuttosto che essere strozzati dai grossisti a loro volta strozzati...

Però, in uno scenario di crisi importante, come quello che sembra delinearsi all'orizzonte, ci sono molte considerazioni che lo rendono appetibile. Alcune.
1) la terra agricola è una risorsa da ultima spiaggia...
2) è presumibile che le catene di approvvigionamento complesso entreranno in crisi (si pensi alla catena del freddo, per esempio). Ciò dovrebbe portare ad un avvicinamento tra produttore e consumatore. Per intenderci, il gasolio è meglio utilizzarlo nella produzione che nel trasporto.
3) in uno scenario deflattivo, dovrebbero insorgere spinte protezionistiche. Si pensi ai cereali. I terreni coltivati a cereali solo una trentina di anni fa erano molto di più rispetto agli attuali, in Italia. C'è molto margine per ritornare ai livelli di un tempo.

Chiaramente ci sono altri aspetti da valutare ...non tutti i terreni hanno acqua, ruderi...etc.
Inoltre i terreni sono beni immobili e non è facile investire per un milanese del centro...etc.

Però, mettiamola così...secondo me si stanno verificando le condizioni per cui un investimento in terra agricola potrebbe diventare interessante.

ciao
sinbad

Beatotrader ha detto...

io direi che il punto è sempre lo stesso
DIFFERENZIARE IL PIU' POSSIBILE
ED IN MODO INTELLIGENTE
ED ANCHE UN PO' FUORI DAGLI SCHEMI
VISTI I TEMPI CHE CORRONO....
differenziare ripeto
non buttarsi a capofitto su una cosa sola
qualunque cosa sia....sesso a parte...:-)

Anonimo ha detto...

@quelli che...aprire un conto all'estero. Mi sembrate quelle signore che vanno in banca a comprare le azioni quando il rialzo è ormai finito. Ormai è troppo tardi, adesso è il momento di rientrare e di monetizzare i mega-profitti valutari, per chi li ha fatti. Per chi invece non li ha fatti, niente paura all'orizzonte si sta stagliando sempre più nitidamente il trade del secolo, sarà di una tale violenza che se non ci si è già dentro sarà poi impossibile entrarvi.

daimon

Beatotrader ha detto...

azzz...daimon
non ci avevo pensato...;-)

spiega per filo e per segno la tua sparate
argomentando tutto ma dico tutto
con esempi
prove
numeri
arco temporale
timing
tipo di operazione e di assets coinvolti
analisi macro-economica a supporto
etc etc

altrimenti....

Anonimo ha detto...

Lo sai qual'è la mia sparata, sempre la solita, crollo verticale del CHF. Motivi? E' in bolla. Timing? Non lo so. Numeri? dal livello attuale un comodo 50% in pochi mesi. Situazione macro? Ora, al si salvi chi può, fra poco TIMEOVER.
Mi lascio ancora qualcosa da dire, perché se no poi non so più cosa scrivere nei prossimi giorni.
Comunque sono stato volutamente criptico e un po' fanfarone per non invogliare nessuno a prendere in considerazione questo tipo di operazione, richiederebbe e tu lo sai bene mezzi e competenze di alto profilo.

daimon

Beatotrader ha detto...

ah ecco
daimon...
meglio così

però almeno una cosa me la devi dire
il CHF secondo te crolla del 50% entro breve
ne deduco che tu non metteresti dei soldi in Svizzera
ergo ti chiedo
DOVE MINCHIA LI METTERESTI?
In Burkina Faso od in Grecia?
....:-)

Nick ha detto...

A proposito di investimenti:
secondo voi il prezzo degli immobili in Italia è destinato a crollare presto?
Ancora grazie.

Devis ha detto...

Beatotrader sei d'accordo che queste idee potrebbero aiutare l'italia se prese per imprescindibili?

Infatti i nostri “lord protettori” hanno chiesto rigore e crescita. Ma la crescita ha bisogno di risorse. Si cresce alimentando il potere d’acquisto, stimolando la domanda, rilanciando i consumi, finanziando investimenti. Si cresce abbassando l’Irpef dei redditi medio-bassi e l’Irap sulle imprese. Si cresce spostando il peso dalle spalle dei meno abbienti a quelle più forti. Si cresce abbattendo l’evasione, generalizzando lo scarico dell’Iva in tutti i passaggi. L’articolo 41 della Costituzione non è la madre delle liberalizzazioni ma soltanto un aborto propagandistico.
Si cresce tassando il patrimonio non con un “una tantum” ma con un sistema fiscale adeguato.
Tratto scritto da eugenio Scalfari

Anonimo ha detto...

Visto che oltre a mettere i soldi nel posto giusto occorre anche essere il più lontano possibile dall'onda d'urto globale, direi NewZelandDollar, sono in bolla come il CHF, ma possono diventare in futuro la Svizzera del nuovo mondo multinational.

daimon

Matteo ha detto...

Beato se hai un attimo mi dici cosa ne pensi di questa notizia: guerra Berlusconi/BCE
http://leconomistamascherato.blogspot.com/2011/08/berlusconi-on-ecb-i-will-call-their.html

Anonimo ha detto...

forse ho capito male , ma anche per te beato , l' unica proposta "fattiva " per " salvare il paese " consisterebbe nello smantellare il piu' possibile ogni diritto dei lavoratori ?

Ma non ti sorge il sospetto che sarebbe come difendersi dai morsi degli squali levandosi il costume da bagno ? :-)
ws

Anonimo ha detto...

Dove mettere i soldi? Oro fisico! Non sono assolutamente un esperto ma mi e' sembrata e tuttora mi sembra la cosa piu' ragionevole per mettere al sicuro i miei sudatissimi risparmi. Molto meglio che impelagarsi con Singapore, il franco svizzero o il dollaro neozelandese.
Se l'euro ha problemi, l'oro sale.
Se gli USA hanno problemi, l'oro sale.
Se il mondo intero ha problemi, l'oro va alle stelle.
Per ora i miei risparmi sono in una botte di ferro.
Per chi non e' un trader e non e' esperto mi sembra la soluzione migliore.
Si possono trovare diverse soluzioni online per comprarlo.

Con simpatia
Stefano

Beatotrader ha detto...

Eccomi qui
il piede sta relativamente migliorando e riesco a mettere il naso fuori
e sto facendo incontri interessanti e muovendo varie peine anche nel mondo reale
il blogging è un moltiplicatore ed una vetrina formidabile, ma poi bisogna operare nel reale...

premetto che non risonderò più a consigli personalizzati che non sianno richiesti DAI MIEI SOSTENITORI ATTIVI VIA E-MAIL
mi spiace ma fare altrimenti
1- mi prende troppo tempo e non riesco più a documentarmi a sufficienza per mantenere la qualità (ogni articolo per me significa ore di documentazione, non come fanno molti altri blogger he vanno a naso e poi ritrattano tutto se hanno cannato la sparata del giorno...)
2- non sarebbe corretto nei contronti di chi mi sostiene economicamente: senza di loro il blog non ci sarebbe più...

adesso rispondo a tutti

Beatotrader ha detto...

x nick

secondo me i prezzi della case di fascia medio-bassa in Italia scenderanno per varie ragioni
non ci sarà un crollo ma una correzione "sensata"
ma dipende anche da alcune future incognite
fermo restando che il mercato immobiliare è molto localizzato
magari compri una casa e vicino di costruiscono la fermata del metrò...

non aggiungo altro se non a sostenitori attivi via e-mail

Beatotrader ha detto...

x devis
sì concordo
i principi di massima sono corretti
abbassare le tasse ai ricchi è una MINKIATA
fa bene solo a Benetti Yachts o a Bulgari
ed il trickle-down storicamente non funziona (se non sapete cos'è cercate nel form di ricerca colonna di destra del mio blog o su google...)

aggiungerei una potente deregulation e de-burocratizzazione
con mazzulamento NON A PRIORI COME IN ITALIA
MA A POSTERIORI E MOLTO PESANTE SOLO SE HAI FATTO IL FURBO

faccio un esempio del mio settore
se fai pubblicità sul web in un blog
in linea di massima devi avere la P.I. etc et
anche se fatturi 500 euro l'anno e sei uno studente
allo studente che gli dice "ma come minkia faccio? non mi conviene più"
il fisco risponde "ah si? ed allora rinuncia alla pubblicità ed ai 500 euro"
E' UNA MINKIATA GALATTICA
rinunciare a gettito fiscale
rinunciare a fare in modo che uno studente abbia 500-1000 euro in più da spendere o investire
rinunciare che possa farsi un expertise già da giovane su come monetizzare la sua impresa in bozzolo
SONO COSE GRAVISSIME
NON C'E' LA FORMA FISCALE EASY PER QUESTE IMPRESINE-WEB (tra le quali potrebbe nascere uno ZeroHedge od un Facebook...tra l'altro)
ED ALLORA DEVI RINUNCIARE????
COL CAZZO!
DOMANI MATTINA STI MANTENUTI DEL MINISTERO FINANZE SI RADUNANO E DOPO 12 ORE DI TAVOLA ROTONDA FANNO UNA FISCALITA' LIGHT E SEMPLIFICATISSIMA PER QUESTA FATTISPECIE
20% di cedolare secca fino a fatturato x, autodichiarazione annuale e stop
ed subito dopo INCASSI TU COME FISCO
ED INCASSANO UN SACCO DI BLOGGER, GIOVANI E COMPAGNIA BELLA

ma sono matti a dirti
piuttosto non farlo????
perchè la fiscalità te lo spegne e te lo rende non più conveniente??????????

ho fatto solo un esempio a caso
tra le decine di migliaia...

Beatotrader ha detto...

x matteo
si ha senso
sarebbe molto da Berlusconi
ma non vdo dove possa portare sto ricatto se continuiamo a fare +0,1% di PIL a Trimestre e se continuiamo ad avere un Debito Pubblico Colossale
prima o poi lui vede il Bluff
e poi gli altri vedono il suo ricatto....

costruiamo le cose su basi più solide e meno Berlusconiane-piratesche...:-)

Beatotrader ha detto...

x stefano
l'oro fisico in teoria ha senso perchè in qualche modo sta sotituendo il crollo delle valute
ma ha molti pro
ed anche molti contro
come ho spiegato via mail ai miei SOSTENITORI ATTIVI
;-)

Anonimo ha detto...

Guarda che la fiscalita' che dici esiste gia'. Digita contribuente in regime minimo.
La stanno modificando ma esiste da anni.
GC

Beatotrader ha detto...

non è applicabile alla fattispecie che citavo io
ed ha un sacco di limitazioni
la strada però sarebbe quella

Posta un commento