Ultimi Post

lunedì 23 aprile 2012

Si moltiplicano i segnali di ALLARME sull'immobiliare italiano


Anche l'ultimo bastione dei risparmi degli italiani rischia di cadere: mi riferisco ai "famosi" 6.000 miliardi (valore puramente accademico...) di risparmi "incastrati" in immobili privati in Italia....patrimonio che contribuirebbe in modo fondamentale a rendere solvibile il nostro Debitone Pubblico da circa 2.000 miliardi...
vedi il mio post E mo' fatevi pure i vostri conti sull'Ita(g)lia... che contiene un po' di utili "numerilli" (aggiornati a 9 mesi fa ma ancora sostanzialmente validi)

Dopo il Censis (vedi nel mio Blog Dedicato agli Italioti che continuano a comprare casa solo in Italia...Casa - Censis: nel 2012 in Italia valore crollera' del 20-50%... )
oggi tocca all'ADOC andare giù pesante sull'immobiliare italiano...grazie in buona sostanza alla patrimoniale-mascherata-da-IMU...
Adoc, effetto imu sulle abitazioni: svalutazioni del 18% a giugno, del 35% a dicembre
......
Lunedì, 23 aprile, 2012
Dopo l'allarme lanciato dal censis, anche l'ADOC (associazione per la difesa e l'orientamento dei consumatori) parla dell'effetto-imu sul valore dell'abitazioni.
Secondo l'Adoc, la nuova tassa sulla casa potrebbe portare ad una pesante svalutazione degli immobili. il valore delle abitazioni potrebbe scendere di un 18% a giugno e di un 35% a dicembre. 
Effetti ancora più negativi per gli immobili commerciali, dato che la svalutazione potrebbe essere di un 30% a giugno e del 40% a dicembre...
"l'IMU avrà un effetto devastante per le famiglie che hanno investito i propri risparmi nella casa....ma ancora più grave sarà la situazione per tutti coloro che hanno contratto mutui, dato che continueranno a pagare le rate per un valore complessivo dell'immobile fortemente deprezzato rispetto al valore originario".
La situazione potrebbe avere i suoi effetti anche sulle banche e gli istituti di credito coinvolti in una spirale che gli costringerà a vendere immobili ad un prezzo inferiore al capitale anticipato. sempre e quando, le famiglie si trovino nella condizione di non poter restitutire il mutuo contratto
Se poi ci aggiungiamo anche questi dati desolanti....

Mutui: finanziamenti alle famiglie in picchiata nel quarto trimestre 2011
Diminuisce sempre più il numero delle famiglie che ottengono un finanziamento per l'acquisto di una casa.
Secondo i dati riportati dal bollettino statistico di aprile della banca d'italia, l'erogazione dei mutui, nel quarto trimestre del 2011, ha registrato una contrazione del 25,29% rispetto all'analogo trimestre del 2010.
Rispetto al 2010 l'erogazione dei mutui è scesa dell'11,84% ed è stata di 49.239, 30 milioni di euro. La macro area che ha registrato la contrazione maggiore è stata l'italia nord-orientale, il cui mercato dei finanziamenti casa si è ridotto del 17,59%. Mentre nelle altre macoroaree la contrazione è stata compresa dal -8% dell'italia nord occidentale al -12% dell'italia centrale....
Casa: Il 67% Delle Famiglie Aiuta Figli a Comprarla
Il 67% delle famiglie italiane aiuta i propri figli, compresi tra una fascia d'eta' che va dai 20 ai 35 anni, a comprare la prima casa, e, anzi, 2 famiglie su 3 sono costretti a sostenerli, a causa della difficolta' economica.
Insomma anche il più baluba degli pseudo-patrioti-italioti (per ipnosi delle Caste...) inizia ad avere qualche dubbio...
Come dicevo in Dedicato agli Italioti che continuano a comprare casa solo in Italia... ci sono posti molto più interessanti dell'Italia per investire nell'immobiliare....
(purtroppo il problema è che Investire in Italia sta diventando sempre meno interessante e remunerativo NON SOLO nell'immobiliare ma un po' in tutte le categorie di assets)
L'altro giorno passavo davanti alla vetrina di un'agenzia immobiliare torinese ed ho pensato che i cartelli appesi fossero degli scherzi...delle bufale....
Infatti vedevo appartamenti "nientediche" messi in vendita a prezzi da veri amatori: 280mila euro, 370mila euro, 480mila euro, 550mila euro etc
E naturalmente il pensiero subito mi è corso ai prezzi delle case a Berlino ed al giochino delle equivalenze&dei moltiplicatori: "quanti appartamenti mi prendo a Berlino con l'importo di una singola casetta italiana a prezzi da amatore che si svaluterà nel tempo?...3x 4x 5x?...."
Se sei interessato al Gruppo d'Acquisto di case a Berlino scrivi ad operazionevalkiria@gmail.com

Se SOMMIAMO
1) la sempre maggiore difficoltà per chi lavora in Italia di mettere insieme un guadagno mensile che si possa definire "decente" (il vero "valore" ormai si crea sempre più altrove...)
vedi il mercato immobiliare al bivio tra mutui, prezzi e stipendi (grafici): 
la relazione tra prezzi delle case in italia e stipendi.....vediamo che per tutti gli anni '80 e '90 la relazione tra valori immobiliari e salari era favorevole a questi ultimi.....
...Il rapporto tra prezzi e salari si è dunque invertito, come vediamo nel grafico in alto, mentre è cresciuto il volume dei mutui.....attualmente le case, rispetto agli stipendi, sono sopravvalutate del 15%, tutto sommato neanche tanto se si confronta questo dato con il resto dell'europa, germania a parte.....la domanda piuttosto è un'altra: con gli spread applicati dalle banche molto alte e gli stipendi fermi dal 2008, chi sbloccherà il mercato immobiliare?
+
2) il fatto che i risparmi italiani continuano ad evaporare progressivamente (non perdete il mio post I Grafici più inutili del Mondo...) e dunque tra un po' mamma e papà non riusciranno più ad aiutare il 67% a comprare casa
+
3) il fatto che le "banche italiane più solide delle altre" continuano ad avere serie difficoltà a concedere mutui e credito in generale....
beh.....credo proprio che tutte quelle "belle occasioni" che vedete appese nelle agenzie immobiliari a prezzi strabililianti gli rimarranno sul gozzo fino a quando i prezzi dell'offerta non incominceranno a tornare sul pianeta Italia...

Se trovate questo post interessante, siete invitati a condividerlo con i tasti "social" (Facebook, Twitter etc) che trovate subito dopo la fine del testo.

Sostieni l'informazione indipendente e di qualità


14 commenti:

alex ha detto...

All'italiano medio per il momento l'unica cosa che lo preoccupa è la sconfitta del Genoa 4 a 0 contro il Siena ( e si è visto dalle proteste, perché per queste cose in italia si spacca tutto ma non certo per il fatto che ci lasciano in mutande, forse è vero che nessuno paga le tasse se poi alla fine sono tutti tranquilli quando queste vengono aumentate a dismisura un motivo ci sarà)

nessuno ha detto...

L'italiota, non pensa a quanto costerà a lui il muto ha già da pensare a 2 o tre partite la settimana della sua squadra poi se c'è il grande fratello o reality vari...
ma che fa spendo il doppio per una casa che non riuscirò mai a pagare massì firma che stasera c'è la partita...

Stefano ha detto...

C'è da dire che i mutui scendono di numero anche per i vergognosi spread che le banche chiedono al momento

nessuno ha detto...

mentre scrivevo pensvo rifletevo sul perchè in Germania francia austria dove guadagnano più del doppio di noi e le case costano la metà e anche 1/3 perchè loro non se la comprano e noi si????
Fatemi capire siamo noi i fessi o loro?
AIUTATEMI A CAPIRE!!

Beatotrader ha detto...

in francia e austria le case non sono per nulla economiche rispetto alle italiane, diversa la germania
Inoltre che dato dice che loro non le comprano?
In ogni caso noi abbiamo la mania tutta italiota della casa di proprietà...

alex ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
alex ha detto...

http://www.linkiesta.it/vendita-case-immobiliare
http://www.immopreisatlas.at/Default.aspx

amaryllide ha detto...

la mania italiota della casa di proprietà non scende dal cielo, ma dalla realtà, che non dipende dai cittadini, di avere pochissime case popolari (in gran parte d'Europa queste arrivano anche al 50% e oltre del totale delle abitazioni). E pagare un affitto ridicolo al comune o allo stato da un lato non invoglia a comprare casa, dall'altro calmiera il mercato degli affitti privati, mentre se sei costretto a scegliere con che corda impiccarti tra i mutui e i padroncini che pretendono di campare di rendita con UNA sola casa oltre a quella di proprietà e di conseguenza chiedono degli affitti che fanno apparire gli strozzini dei benefattori in confronto, è chiaro che uno sceglie il mutuo, almeno con quello alla fine qualcosa in mano ti resta.

francesco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
francesco ha detto...

Straquoto amaryllide sul discorso case popolari.
Non sono d'accordo invece sul discorso affitti alti.
Gli affitti generalmente non sono assolutamente alti in rapporto alle quotazioni delle case,sono alti in rapporto agli stipendi.

housecrash ha detto...

Beatotrader, interessante questo tuo post. Diciamo che i media e gli insider probabilmente si sono decisi ed hanno dato finalmente la stura.

Adesso è arrivata l'ora di dimostrare quanto "da noi è diverso" ;)

Beatotrader ha detto...

esatto caro francesco
mi hai anticipato
a parte certe zone particolari come Milano Roma etc
in Italia gli affitti non sono alti in relazione al valore della casa (come rendita percentuale)

inoltre in Italia
dagli affitti ci guadagnano solo i professionisti
o gli speculatori spesso fuori legge

altrimenti come li chiama amaryllide i padroncini che si sono sudati con i loro risparmi 1 o 2 casette messe a rendita (comprate ai tempi che fu quando erano a prezzi umani)
NON CI GUADAGNANO UNA CIPPA ANZI SPESSO SONO IN PERDITA
tra IMU, tassa registro, imposte sugli affitti percepiti, manutenzione, lavori straordinari ogni x anni, rotazione affitti con alloggio magari vuoto per 3-6 mesi, danni che scopri dopo etc etc

Beatotrader ha detto...

chi si vede!
Housecrash
mi ricordo di te nel mitico post
la mania tutta italiana della casa di proprietà che fece quasi 200 commenti (al tempo erano liberi e non solo per registrati)

vedremo
perchè la casa in Italia non è un asset normale ma PATOLOGICO...:-)

vedi qui come citava prima alex
http://www.linkiesta.it/vendita-case-immobiliare

...«Nel mercato del mattone italiano la legge della domanda e dell’offerta vale zero», afferma Daniele Barbieri, segretario nazionale di Sunia, il sindacato nazionale degli inquilini. «La proprietà immobiliare in Italia è molto diffusa, quindi slegata dai grandi gruppi immobiliari. Un piccolo proprietario non può permettersi di abbassare troppo il prezzo. La verità – conclude Barbieri – è che da noi c’è un solo modo per fare l’affare: trovare un venditore che abbia urgenza di concludere»...

Beatotrader ha detto...

eh sì...
i mitici padroncini di Amaryllide che volevano farci soldoni di rendita sul loro 2° appartamentino...

io chiedo d'affitto 1/3 di uno stipendio di un operaio e sono in due a lavorare....
sai che mazzata....
sai che affitti stellari....
e parlo di Torino un bel 70mq in bella casa e zona ottima
adesso con l'IMU andrò in perdita netta
uhhh sai come ci speculano i piccoli sulla rendita degli affitti...uuuuh

.........
Da valutare un elemento chiave: l’aumento del valire delle case è stato di gran lunga superiore a quello del reddito e in proporzione anche di quello del Pil, ma le situazoioni “esterne” erano ben diverse; adesso sta venendo meno tutta lastruttura che reggeva il comparto durante le passate crisi (perchè comunque le crisi del settore ci sono sempre state) .

Perciò immobili ipertassati, redditi che non nepermettono la manutenzione, non ci sono in giro acquirenti nè privati, nè istituzionali....

Posta un commento