lunedì 20 febbraio 2017

Il Myanmar (in Boom economico) è sempre più vicino...con le sue grandi opportunità (per chi sa coglierle...)

Sabato 18 febbraio
la mia battuta
"...adesso parliamo della possibile scissione del Piddi..." 
ha fatto ridere tutte le 70 persone in sala...
ma soprattutto ha avuto il sapore di un'eco lontana...
di un lontano granello che stesse franando nel deserto fallitaGliano...
di un soffio remoto&triste di cose estinte, anacronistiche, ormai inutili...
adatte a falliti italopitechi in estinzione.
Per NOI invece
tutto liquidato in una "crassa risata" di 10 secondi: avevamo infatti ben di meglio a cui pensare...
al Workshop Myanmar: la Nuova Frontiera
che il sottoscritto ha organizzato


insieme a Paolo Barrai


al Consolato Italia-Myanmar ed al business developer "sul campo" Paolo Arnello.


Con la partecipazione di tante persone di valore come.......................

venerdì 17 febbraio 2017

Ipse dixit (reloaded): "Oggi da noi non c'è più un mercato immobiliare"... (io ve lo anticipo da anni)


Vi ripropongo un POST FONDAMENTALE dell'anno scorso.
La cosa più importante però è il "percorso di analisi&previsioni" indipendenti/fuori dai luoghi comuni che in questi anni è stato tracciato sull'immobiliare italiano nel mio BLOG, aiutando quella minoranza di "italiani sapiens" che mi ha ascoltato a fare le scelte migliori e spesso a salvarsi (letteralmente).
Dunque la cosa più utile non è tanto leggere solo il post .... ma soprattutto mettersi lì una sera od il week-end e leggersi ANCHE tutti i post LINKATI, uno ad uno.
Dopo questa "noiosissima" full-immersion... ;-)
diventerete degli "illuminati" sull'immobiliare italiano e dunque ridurrete di molto le future possibilità di fare eccessive caxxate.... ;-)
Mi spiace per quelli che si sintonizzano solo ora, perché i molti casi i "cocci" delle scelte errate precedenti non si possono più rimettere insieme come prima...
ma almeno si può diventare finalmente consapevoli e ridurre i danni del passato + fare le scelte migliori per il futuro.
Prossimamente preparerò una GUIDA in esclusiva per i sostenitori attivi del Blog
che spiegherà bene le CONDIZIONI PRECISE per investire oggi in Immobili FallitaGliani.
La "via" è molto molto stretta ed accidentata, anche perchè nessuno mette in conto alcuni MINUS fondamentali che si manifesteranno con la continuazione del Declino Italiano....
e che potrebbero cambiare colore al vostro bel foglietto di excel (anche se prima di comprare forse se lo crea l'1%...gli altri vanno a caxxo&luoghi comuni...) facendolo passare dal verde intenso al verdolino pallido od addirittura al rosso... ;-)

P.S. Anche a proposito di questo ultimo punto, vi aggiungo un link ad un mio post di pochi giorni fa dedicato a chi pensa di comprare casette a sconto e poi di avere super-rendimenti via Airbnb...eh eh eh...uh uh uh...
Adesso tocca ad Airbnb: un Paese feudale, fallito ed italopiteco si perde persino il treno della "sharing economy"...-------------------------------------------------------------------------

Chiunque ancora si informi via giornali e tiggì (= la maggioranza)
si sarà fatto senz'altro l'idea che in Italia ci sia la ripresa immobiliare
si leggono titoloni su
Boom dei Mutui!
Boom delle transazioni immobiliari!
E' però una strana Ripresa quella che avviene con prezzi che continuano a calare
considerando soprattutto che, grazie alla Grande Bolla Globale indotta dalle Banche Centrali,
i prezzi degli immobili continuano a salire e sono in Bolla un po' ovunque globally
meno che in FallitaGlia ed in qualche altro Paese
o a causa guerre o perchè i prezzi erano ad un picco stellare...
Su 55 Paesi analizzati dal report KF appena pubblicato e in allegato, solo 5 registrano prezzi in calo negli ultimi 12 mesi: Ucraina, dove c’è la guerra, Grecia, Marocco, Hong Kong e Taiwan.
Knight Frank: Italia, unico Paese al mondo dove calano i prezzi delle case (Report)
L’Italia, con la Grecia, è l’unico Paese al mondo in cui i prezzi delle abitazioni sono in costante calo...
Chi segue costantemente il mio BLOG conoscerà le mie analisi&previsioni immobiliari indipendenti (merce rara in Italia)
che con netto anticipo hanno previsto per filo e per segno le dinamiche ed il trend del mercato immobiliare italiano, aiutando un sacco di gente a "salvarsi il culetto" ed a non rimanere inkastrata all-in-casette-fallitagliane.
Bene, fa piacere constatare che anche le fonti "istituzionali" arrivino alle mie stesse conclusioni
ma ci arrivino anni ed anni dopo

mercoledì 15 febbraio 2017

FallitaGlia sempre più verso il DEFAULT: io ve lo anticipo da mo' e man mano sta diventando sempre più di "dominio comune"...


Ecco qui anche il mitico Albertone...
Alberto Forchielli
L'Italia salta sulla mina del debito comunque, se poco prima o poco dopo una vittoria dei 5 stelle è impossibile da prevedere.
Potrebbe saltare anche con un alleanza PD/FI che si mette a spendere.
È chiaro a tutti che non pagheremo mai i nostri debiti, ma peggio, è chiaro che non riusciamo a smettere di accumularli.
La questione che si pone un po' ai governi EU ed alla BCE, tranne che a noi che non vogliamo vedere la verità, è come controllare la situazione ed avviare una ristrutturazione del nostro debito meno dirompente possibile.
Insomma...
lo scenario che il sottoscritto Mago Otelma-Grande Bluff ;-)
vi anticipa da secoli
sta diventando man mano di dominio comune,  
com'è spesso accaduto alle mie previsioni sul Blog....
NON PERDERE I MIEI POST:
Questione di "QUANDO" e non di "SE"
= ormai FallitaGlia farà Default (la maggioranza non capisce nemmeno cosa comporti)
sia dentro l'euro che fuori dall'euro, cambiano solo tempi e modi.
E prima patrimoniali, aumenti ulteriori tasse, eventuale prelievo forzoso etc
Ci sono ancora ca. 6000mld di ricchezza privata da travasare... ;-)

Per "diventare di dominio comune" intendo che man mano le menti più aperte/le fonti indipendenti iniziano a parlare di DEFAULT in modo sempre più diffuso,
intanto le fonti ufficiali continuano a negare e/o dissimulare/tranquillizzare e/o danno la colpa a capri espiatori esterni...
eccone un esempiuccio a caso tra migliaia.........................

martedì 14 febbraio 2017

I NO-GLOBAL AVEVANO TORTO (guest post)


Giusto poco tempo fa avevo provato a contrastare il luogo comune che oggi va tanto di moda = la globalizzazione è il "male assoluto".
In realtà come al solito siamo di fronte ad un Declino Cognitivo che porta ad iper-semplificazioni di fenomeni complessi e dunque a fare un tifo da Ultras...
La Globalizzazione come tutti i fenomeni presenta un bilanciamento di pro/contro
e, se inserita in un contesto storico più ampio, risulta essere un fenomeno a somma positiva...
magari non per gli italopitechi che vivono ancora negli anni '70 e non si sono evoluti....ma per mezzo Mondo invece sì.

Consiglio dunque la lettura o la ri-lettura di questo mio post che vi fornisce utili spunti oltre alla vulgata comune radical chic: Viviamo in una delle migliori epoche della storia umana, per cui meno vittimismo e rimboccarsi le maniche...

E poi passo la palla a questo interessante studio/saggio uscito di recente,
così almeno potete tentare di controbilanciare un po' il preponderante "mood" no-global che spesso risulta essere un filino troppo talebano... ;-)
La realtà è sempre un po' più complessa e dipende anche da che punto di vista la guardi.
-----------------------------------------

I NO-GLOBAL AVEVANO TORTO.
di Guglielmo Piombini

I nostalgici del comunismo, dopo aver trascorso tutti gli anni ’90 a leccarsi le ferite per la fine ingloriosa del socialismo reale, all'inizio degli anni 2000 aprirono un nuovo fronte di lotta contro la globalizzazione dell’economia che aveva preso piede in quel decennio.
Fu un'alluvione di libri, saggi, articoli, manifestazioni, proteste di piazze che denunciavano lo sfruttamento, l’impoverimento, la disoccupazione, la disuguaglianza, la distruzione dell’ambiente e delle culture locali che l’espansione del libero mercato su scala globale avrebbe portato in tutto il mondo.

Sono passati più di 25 anni da quegli avvenimenti, e possiamo tirare le somme.
Lo ha fatto Johan Norberg nel libro "Progress", premiato nel 2016 come libro dell'anno dall'Economist e dall'Observer.
Mostrando dati inoppugnabili, lo studioso svedese dimostra che, contrariamente a quello che pensa la maggioranza della gente, i decenni di espansione della globalizzazione sono stati i migliori per l'umanità nel suo complesso, che non è mai stata bene come oggi.
Solo negli ultimi dieci anni il reddito pro-capite dei paesi poveri è raddoppiato: si tratta della più grande riduzione della povertà che il mondo abbia mai conosciuto.

Tutto questo è avvenuto grazie ..................

lunedì 13 febbraio 2017

Appuntamento con il BITCOIN: Lunedì 20 Febbraio a Torino (io ci sarò...)


Sanscemo è finito ....
dunque possiamo tornare ad occuparci di cose UTILI e non di fuffa... ;-)

SERATA TORINESE DEDICATA A BITCON e CRIPTOVALUTE
LUNEDI 20 FEBBRAIO
Incubatore Fintech SellaLab di Torino
Presso Rinascimenti Sociali
Via Maria Vittoria, 38,TORINO
Io ci sarò
insieme a Paolo Barrai (Mercato Libero), WMO, BLOCKCHAINVEST, BIGBIT
ed a tanti altri amici tutti presenti a questo meetup di Torino
Evento GRATUITO ma con iscrizione a lagrandecrisi2009@gmail.com
Attenzione che i posti sono sempre più CONTATI...

Ormai non è più tempo di fare chiacchiere virtuali sui social, di continuare a seguire vecchi schemi, di fermarsi sempre alla fase di analisi
è invece il tempo di ATTIVARSI, di essere proattivi, di adattarsi al nuovo contesto globale e tecnologico, di anticipare e cavalcare i nuovi trend. di cogliere le nuove occasioni.

Vi aspetto dunque numerosi
perchè sarà una bella occasione per approcciarsi al Mondo del Bitcoin/della Blockchain
ma anche per conoscersi di persona, per fare discorsi stimolanti pensando al futuro e non sempre agli anni '70 come la massa di italopitechi in estinzione....

Sarà anche l'occasione per parlare di come PROTEGGERSI al meglio dal Declino (irreversibile) di FallitaGlia e dal suo sempre più prossimo DEFAULT:
potrò raccontarvi vis-à-vis dei vari PROGETTI concreti che sto organizzando attraverso il mio BLOG.
Dalle ore 20:30 di Lunedì 20 Febbraio
avrà luogo il consueto Meetup a tema Bitcoin e Cryptocurrencies
presso l'incubatore fintech SELLALAB di Via Maria Vittoria 38 a Torino.
Il programma del meetup prevede aggiornamenti sulle ultime novità a tema bitcoin e blockchain, con approfondimenti........................

domenica 12 febbraio 2017

Ma daiii?! Il No-euro duro&puro Claudio Borghi ha un fratello gemello...


Aggiornamento delle 22:
vi consiglio anche l'integrazione EPISTEMOLOGICA che trovate sulla mia bacheca Facebook
F-O-N-D-A-M-E-N-T-A-L-E
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10155933491832281&set=a.49316167280.42626.753417280&type=3&theater
----------------------------------------
Toh...ma chi l'avrebbe mai pensato?
Esiste un gemello del duro&puro NO-Euro Claudio Borghi (Responsabile Economico di Salvini e della sua ex-Lega-Nord, oggi partito nazionalsocialista unitario&centralista...).
Questo gemello (solo) nel 2010 scriveva cose sagge e soprattutto pragmatiche/realistiche.
Perché possiamo discutere per ore ed ore se tornare alla Lira sia cosa buona oppure no (secondo me no...tanto ormai FallitaGlia è fallita sia dentro che fuori dall'euro)
ma il problema a monte è COME uscire dall'euro, perchè farlo in maniera unilaterale è fantasy/very splatter... e farlo in modo concordato politicamente a livello UE per ora è fantasy...
Dunque di che stiamo parlando? 
Di FUFFA...mentre sarebbe da attivarsi pragmaticamente "IERI" in svariati modi per proteggersi dal Declino (che continuerà) e dal sempre più prossimo Default.
Alla fin fine i no-euro in realtà tifano perchè l'euro zona si sfaldi in modo "naturale" e di conseguenza l'Italia possa tornare alla Lira in modo diciamo (vagamente) "condiviso"... 
ma anche in questo caso saremmo di fronte ad un evento traumatico epocale....imprevedibile nelle sue svariate conseguenze, difficilissimo da gestire, ad altissima probabilità di sfuggire di mano, con i mercati che ci andrebbero a festa con attacchi termonucleari ...
insomma roba da chiudersi in casa con balestra, scorte di cibo e di bitcoin + oro fisico... 
e non sto facendo terrorismo ma solo cerco di usare un approccio realistico e non ideologico/propagandistico/fantasy...
Lo anticipavo già 3 anni fa in alcuni miei post che facevano simulazioni REALI da esperto asettico dei Mercati e della Finanza 
e NON da Prof. fuori dal Mondo e da propagandisti politici...
Il problema alla fin fine oggi è solo uno: ti sei attivato, adattato e protetto al meglio oppure no?
In seconda istanza il problema ..............

venerdì 10 febbraio 2017

Grazie a Draghi (ed all'euro) paghiamo "una cippa" di interessi sul nostro Debitone Pubblicone


clicca sull'immagine per ingrandirla

In un'Italia sempre più divisa in tifoserie che semplificano in bianco&nero ogni fenomeno, cerchiamo di mantenere un po' di equilibrio e razionalità.
Le realtà complesse richiedono interpretazioni complesse ed un bilanciamento di pro&contro, costi&benefici.
Quando sento accusare l'Europa per ogni nostro possibile guaio, sorrido e penso a questi semplici dati:
1) Il nostro debito pubblico è in questo momento di 2.231 miliardi di euro.
2) Grazie al fatto che siamo in Europa e nell'euro, i tassi medi d'interesse sui titoli pubblici sono scesi in modo impressionante tra l'ultimo decennio del ‘900 sino ad oggi e sono passati dal 14% allo 0,55%
3) Attualmente (vista la composizione dei titoli di stato) paghiamo circa 65 miliardi ad un tasso medio intorno al 3%.
4) Se fossimo restati al di fuori dell'euro non avremmo avuto questa riduzione
5) Se ora ne uscissimo perderemmo il vantaggio sugli interessi, che tornerebbero subito, SE VA DAVVERO BENE, ai valori pre-euro o, più verosimilmente, anche a valori anche superiori.
6) Ipotizzando dunque un ottimistico 14%, ci troveremmo a dover pagare oltre 300 miliardi di interessi sul debito, rispetto ai 65 di adesso.
7) Per dare un'idea di cosa voglia dire..............................

mercoledì 8 febbraio 2017

Adesso tocca ad Airbnb: un Paese feudale, fallito ed italopiteco si perde persino il treno della "sharing economy"...


Dopo essere stato a Roma all'interessante evento sul Myanmar tenutosi presso la Farnesina
durante il quale abbiamo aggiunto altri utilissimi contatti al nostro network del progetto Far East Hub - Birmania: La Nuova Frontiera
che renderanno il nostro workshop del 18 Febbraio a Milano ancora più interessante...
per maggiori informazioni non perdere il mio post : Workshop: "Myanmar, la Nuova Frontiera" - Milano 18 Febbraio 2017 
sono volato a Bruxelles, non per sentire Draghi al Parlamento Europeo ...ma purtroppo per ragioni personali.
E' stato però utile vedere come la Capitale politico-amministrativa della UE sia uno specchio della UE stessa: una città super cosmopolita con 200 nazionalità conteggiate... ma senza personalità, senza vera integrazione, incompleta e "forzosa"... con picchi di eccellenza ed abissi di inefficienza/disagio sociale.
Simbolico e significativo.

Me ne torno in Italia e mi trovo davanti a due notizie DEVASTANTI che quasi nessuno ha cagato e/o ha percepito come tali (del resto Sanremo è Sanremo...)
che confermano come NO HOPE FOR THIS ITALY
sia perchè i politici perseverano nella stessa direzione deleteria che determina/approfondisce il Declino
sia perchè i politici sono solo lo specchio della massa italopiteca che è ancora maggioranza
Dunque la parabola di avvitamento al ribasso del Declino ha un'inerzia mostruosa e non può per ora cambiare ma solo approfondirsi.
Un Paese feudale, pseudo-statalista, centralista-unitario fallito, corporativo, ideologizzato fuori tempo massimo e dissociato dalla realtà
non solo non è in grado di adattarsi al nuovo contesto ed ai nuovi trend,
non solo non è adatto a coglierli, cavalcarli al meglio, valorizzarli e/o persino anticiparli
ma addirittura li osteggia in tutti i modi feudali possibili...
perdendo dunque tutti i treni = ci si oppone a trend globali/innovativi come se si volesse fermare un'onda con un dito.
Ecco perchè FallitaGlia che è sempre stata nella storia un faro di avanguardia che "ha tracciato la strada",
oggi se ne va a fare in culo com'è giusto che sia...fino al DEFAULT che purtroppo arriverà troppo tardi perchè possa essere SHOCK utile per un cambiamento ma sarà una FINE per sfinimento......................................

lunedì 6 febbraio 2017

#tictactictac FallitaGlia = Schauble (giustamente) fa scaricabarile su Draghi per l'euro "troppo svalutato"


Nel mio post Trump come "acceleratore" di eventi: porterà alla dissoluzione della UE o alla formazione di una vera Unione Europea?
illustravo le due ipotesi diametralmente opposte che potrebbero delinearsi per UE ed Eurozona
sulla spinta di Boom-Boom-Trump Accelerator...
Man mano cercherò di anticiparvi quale delle due risulterà più "papabile" analizzando news, dichiarazioni ufficiali, movimenti dei mercati etc
Schauble Agrees With Trump That Euro Is "Too Low" For Germany, Blames Mario Draghi
*** Ministro delle finanze tedesco Schaeuble: euro troppo basso per la Germania...."il tasso di cambio dell'euro è, in senso stretto, troppo basso per l'economia tedesca in posizione competitiva...quando il capo della BCE Mario Draghi ha intrapreso la politica monetaria espansiva, gli ho detto che avrebbe portati ad un surplus di esportazione della Germania"

##Lo scaricabarile di Schaeuble: surplus Germania colpa della Bce
Considerando le dichiarazioni del falco Schauble (Ministro delle Finanze della Merkel)...
guadagna punti l'ipotesi di maggiore pressione "crucca" sulla BCE (e su Draghi)
perchè interrompa man mano il QE ed inizi a rialzare i tassi,
facendo dunque rivalutare l'euro, risalire il rendimento del debito pubblico italiano e mandando FallitaGlia in Default (controllato?)

Tutto è nato dal duro attacco di Trump alla Germania (ma anche a Cina e Giappone pur se in tono minore)...................

mercoledì 1 febbraio 2017

Workshop: "Myanmar, la Nuova Frontiera" - Milano 18 Febbraio 2017

Sono in partenza per Roma: treno AV e poi stasera con alcuni componenti del team "Far East Hub" in una bella hostaria a mangiare pasta cacio&pepe annaffiata da un bel vinello...
Per domani mattina sono stato invitato all'evento "Country Presentation Myanmar"
che si svolgerà a Roma nella sala Conferenze internazionali della Farnesina
organizzato dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale
con il supporto dell'Ambasciata italiana a Yangon, in collaborazione con il Ministero dello sviluppo economico, l'Ice-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane e Unido Itpo Italy.
L'evento offrirà l'occasione per illustrare le potenzialità – sia dal punto di vista commerciale che industriale – di uno dei mercati più in crescita dell'Asia e per confrontarsi sulle opportunità di collaborazione per le imprese straniere anche grazie al nuovo clima economico favorito dalla rimozione delle sanzioni Usa, da una nuova legge sugli investimenti e da una politica economica che privilegia l'attrazione di capitali stranieri.
Per l'Unione di Myanmar sarà presente una delegazione istituzionale guidata dal Ministro del commercio, oltre ad una selezionata rappresentanza di aziende birmane. Settori focus della presentazione saranno: le infrastrutture, l'energia e i macchinari (con particolare attenzione ai comparti agroindustria, tessile e food processing).
Insieme a me ci sarà Mercato Libero ed altri componenti del mio Team "Far East Hub".
Verremo presentati a membri dell'Ambasciata ed alle autorità Birmane.
Uno dei relatori sarà il Business Developer del Consolato/Camera di Commercio Italia-Myanmar di Torino che sarà anche uno dei relatori del Workshop da noi organizzato per il 18 Febbraio a Milano = Myanmar, la Nuova Frontiera (più avanti nel post trovate il Programma e come Iscrivervi: ancora pochi posti disponibili)
Insomma...a Roma avremo una serie di importanti incontri per sviluppare al meglio il network del Progetto Birmania e che porteranno ulteriore valore aggiunto al nostro imminente Workshop,
dedicato ad una Nazione che si sta sviluppando come l'Italia dei mitici anni '50...e dove c'è ancora tutto da fare = verdi praterie...;-)
Vedi il mio post analisi che contiene svariati dati in merito: Boom-Boom-Myanmar = la Nuova Frontiera: evento del 18 Febbraio 2017 a Milano


Ecco il programma del nostro Workshop
Quando:
Sabato 18 Febbraio 2017
Myanmar (Birmania): La Nuova Frontiera
Per partecipare è necessario iscriversi mandandomi un'emaillagrandecrisi2009@gmail.com 

Dove:
Milano..............................

Trump come "acceleratore" di eventi: porterà alla dissoluzione della UE o alla formazione di una vera Unione Europea?


Ieri, nello stile di un Salvini qualunque o di un no-euro talebano de noantri, l'amministrazione Trump ha sparato:
Trump, offensiva contro la Germania. Consigliere sul commercio: “L’euro è un marco travestito ampiamente svalutato con cui sfrutta Usa e Ue”
Al di là dello stile no-euro di superficie...l'affermazione è molto interessante perchè è uno slogan "semplificato&forzato ad hoc" per attaccare la Germania.
(tra parentesi: in realtà l'euro non è affatto "solo" il marco svalutato ma è la somma delle ex-valute dell'eurozona incluso Franco Francese, Lira, Peseta etc Draghi con il QE ed i tassi sotto-zero ha svalutato l'euro anche del 30% per farlo assomigliare di più alla Lira/alle altre valute del Sud Europa e per non far fallire l'Italia...dunque diciamo che la situazione è un po' più complessa dello slogan di Trump).

Infatti è da un po' che gli USA mazzulano Berlino: vedi "la farsa" sul Dieselgate di Volkswagen (tutti taroccano le emissioni, vedi successivamente anche il caso FCA) con annessa mega multa...
VW è comunque riuscita a diventare lo stesso il Marchio 2016 n. 1 al Mondo scalzando Toyota perchè è una casa automobilistica con i contro fiocchi ad altissima qualità, con marchi fortissimi e che investe in ricerca più di uno Stato Nazionale.

In realtà dunque il presidente Usa ha nel mirino l'enorme surplus commerciale tedesco.
E punta a isolare sempre più la Germania, che a detta di alcuni rischierebbe a questo punto addirittura una 'terza guerra mondiale', questa volta sul fronte finanziario.
"Gli Usa hanno dissapori con a Germania fin dagli inizi della crisi in Grecia e contro Berlino Trump gode di un appoggio bipartisan",
"La strategia di Trump è tesa a non indebolire l'Europa del Sud, strategica per far fronte alla
situazione in Medio Oriente e per le sue basi militari.
Trump sarà un "enorme acceleratore" delle situazioni di instabilità mondiali secondo Kyle Bass, responsabile degli investimenti di Hayman Capital Management.
Vale per la Cina in difficoltà ma anche per l'Europa.
Secondo Stratfor, una società di analisi geopolitica, Trump cercherà di mettere la Germania spalle al muro per il suo surplus corrente record, superiore persino a quello cinese e ormai prossimo ai 300 miliardi di dollari.
La Germania potrebbe reagire per evitare misure commerciali punitive e rivolgersi al Wto.
Ma la strategia tesa a isolare Berlino - senza la Germania gli Usa sarebbero in surplus verso l'Europa, invece hanno un deficit di 57 miliardi (75 verso Berlino) - magari con la complicità di alcuni partner europei può funzionare.....

Insomma, come ben sappiamo gli USA ....................

lunedì 30 gennaio 2017

Ma quanta gente c'è in Italia che non ha un caxxo da fare tutto il giorno? 38 milioni su 60 milioni...



Italiani al lavoro: in 22 milioni ne mantengono 38
#Truenumbers


Come al solito nell'enciclopedia da 3.700 post / 8 anni di "storico" del mio BLOG
vi anticipai anche questa devastante realtà fallitaGliana nel mitico post del 2015 che ritrovate per intero al fondo
Ma quanta gente c'è in Italia che non ha un caxxo da fare tutto il giorno??
da leggere anche i due successivi "aggiornamenti" con ulteriori dati grafici e conferme
Bene...ecco qui un'ulteriore conferma di quanto già vi anticipai "spannometricamente".
Eh sì... mi dispiace...anch'essa può essere interpretata come un'ulteriore conferma
che il Default dell'Italia è solo questione di "quando" e non di "se"...

Dunque al di là dell'euro della Troika della dittatura della Cermania (?) dell'austerity (che non c'è) della bankokrazia della finanza internazionale del Bilderberg della cavallette e dei Rettiliani
diciamo che IN OGNI CASO mantenere questo esercito di 38 milioni di "fancazzisti" risulta strutturalmente ormai INSOSTENIBILE
(nota gli over65 oggi sono ca. il 30% rispetto alla popolazione nella fascia 15-65 anni e tra 35 anni saranno circa il 60%... fate voi...).
Ed in questo caso non citiamo nemmeno la variabile "produttività" di quei 22ml che lavorano...e quanti di essi lavorino nel vero senso della parola... ;-)
(sarcasmo mode ON) A meno che naturalmente non si recuperi la "sovranità" e non si inizi a stampare dal nulla "moneta del popolo" a manetta facendo deficit spending a go-go...a quel punto sarebbe sostenibile che anche solo uno lavorasse per mantenere i restanti 60milioni 440mila...e per mantenere senza problemi tutto il super-welfare-pubblico italiano che i 4/5 del Mondo si sognano...

La Realtà che si vuole continuare a negare è una sola
= ormai l'Italia è FALLITA/in Declino sia dentro che fuori dall'euro
semplicemente perchè sta raccogliendo gli amari frutti di 35 anni di scelte sbagliate/di immobilismo che configurano un contesto complesso e multi-causale di Declino Strutturale.
Solo il Declino Cognitivo oggi imperante permette a semplificazioni mono-causali di prendere piede
e dunque di trasmettere soluzioni illusorie di Replica di un Passato la cui configurazione oggi non è più replicabile in nessun modo (è stato un unicum assai ben delimitato "nel tempo e nello spazio").
Tutto questo aumenta il livello di dissociazione dalla Realtà di una maggioranza di Italopitechi.
La Soluzione dunque ormai è solo PERSONALE (scelta di nicchie ad alto valore aggiunto o che cavalchino i nuovi trend, delocalizzazione etc)
oppure è una RICETTA tanto scontata quanto dunque impossibile da attuare nel contesto attuale a maggioranza italopiteca ad altissima inerzia perchè ancora clientes con rendite di Stato (fallito) e/o con comfort zone derivante dalla ricchezza della generazioni precedenti
vedi mio post: Ecco la Ricetta per mandare in BOOM l'Italia a +5% di PIL (altro che referendum...)
-----------------------------------------------

Italiani al lavoro: in 22 milioni ne mantengono 38

Due terzi dei residenti non ha un’occupazione e 10,4 milioni di persone rifiutano di lavorare
I residenti in Italia sono 60 milioni e 441mila. Ma solo una piccola parte di questi lavora, esattamente il 37,2%.
La maggioranza non lo fa.
Ecco i numeri.

Quanti sono gli italiani al lavoro
Il grafico sopra mostra il totale della popolazione residente a confronto con quanti hanno un lavoro. Su 60 milioni e 441mila nel 2016 gli italiani al lavoro erano 22 milioni e 465mila, cioè, in termini percentuali, il 37,2%.
Di questi, 16 milioni e 988mila persone sono dipendenti (pari al 28,1% della popolazione italiana)
mentre 5 milioni 477mila (cioè il 9,1% degli italiani) sono indipendenti.
(N.d.R. per questa minoranza produttiva del Paese NESSUNA SPERANZA visto che politicamente non contano una mazza...).
Ora concentriamoci solo sui dipendenti.
Il grafico sopra divide gli italiani al lavoro e che sono dipendenti in base al tipo di contratto che hanno.............................................

domenica 29 gennaio 2017

Buon (ri)ascolto della mia podcast-intervista su "Il Truffone" (n. 1 di download)

Mi ha contattato recentemente Francesco Carbone
che gestisce l'interessantissimo Canale Podcast de "Il Truffone"
Leggi il mio post: 
Gli imperdibili Podcast del "Il Truffone" (ben tornato ad Usemlab!)
per meglio capire come funzioni questo canale podcast
e chi sia Francesco (nel settore specifico dell'informazione economico-finanziaria indipendente è voce ben conosciuta).

Ebbene...mi ha comunicato che su 30 puntate ad oggi "mandate in onda"
la puntata in cui il sottoscritto è stato intervistato è quella che ha raggiunto il maggior numero di ascolti/download...
In effetti la puntata è stata un bel mix
= ironia, i miei classici pipponi, dati puntuali&precisi, approccio indipendente/pragmatico, tanti temi stimolanti e qualche bel bestemmione....perchè quando ci vuole ci vuole...

Insomma non c'è da annoiarsi.
Per chi volesse ascoltare/ri-ascoltare la puntata
ecco qui
Buon ascolto della mia podcast-intervista su "Il Truffone"
A breve dunque farò il BIS
sempre su il Truffone
con un podcast ancora più "cazzuto" ma anche divertente... ;-)
Vi farò sapere.
.

venerdì 27 gennaio 2017

Se non lo capite nemmeno così...(la Bancarotta dell'Italia si avvicina)


IN 18 ANNI WALL STREET ha RADDOPPIATO da 10mila a 20mila punti
mentre IL DEBITO FEDERALE USA è QUASI QUADRUPLICATO....
Invece
l'INDICE AZIONARIO ITALIANO
nel 1999 VALEVA CIRCA IL DOPPIO DI OGGI...ma IL DEBITO PUBBLICO ERA LA META'.
Ve la giro anche in un altro modo:
in 18 anni l'Indice Azionario italiano si è circa DIMEZZATO mentre il nostro Debito Pubblico ha circa RADDOPPIATO.
(grazie per l'ispirazione a Paolo Barrai)
Il paragone non tiene conto di tutta una serie di variabili contestuali
ma mi sembra comunque assai ESPLICATIVO.


Ebbene...
quando io parlo di Bancarotta sempre più imminente per FallitaGlia,
la maggioranza continua a guardarmi con un sorrisino incredulo... ;-)
In realtà come vi ripeto,
non è più questione di analisi economico/finanziarie ormai auto-evidenti (per chi vuol vedere)........................

mercoledì 25 gennaio 2017

Nuovo record storico: il Dow Jones (infine) infrange anche la soglia psicologica dei 20mila punti


Come vi avevo preannunciato fin da tempi remoti....
con il mitico oroscopo del 12 marzo 2010
E facciamo 'sto Oroscopo...
con la profezia Nostradamus style di poco dopo
Dow Jones a 20.000, con qualche "piiiiiccola" controindicazione... (30 marzo 2010)
e poi ancora nel 2011
Dow Jones a 20.000 punti con qualche "piiiiccola" controindicazione....(2011 version)
ed infine l'8 maggio 2013 (anticipando il sempre maggiore peso della chiave geopolitica rispetto a quella finanziaria...)
Prima o poi "uno spillo acuminato" bucherà la NUOVA BOLLA ma stavolta non saranno i Subprime (endogeni)
ECCO CHE il Dow Jones
per molteplici ragioni
infrange la barriera storica e psicologica dei 20mila punti
e la Big Bubble non è finita qui...

Gli USA post crack-Lehman Brothers hanno stra-vinto la guerra finanziaria
trascinandosi dietro anche quasi tutto il resto del Mondo...
ultimamente perfino un pochetto...................

martedì 24 gennaio 2017

Eddaiii blocchiamo anche la "sharing economy"! (il triste caso dell'home restaurant)


Guardate...ve la faccio breve perchè ho cose più importanti da fare...tanto ormai sono discorsi inutili.
In FallitaGlia con economia in declino, total tax rate da record quasi al 65% e burocrazia sempre più allucinante
manco un po' di "sharing economy"...
che subito ti arrivano
una legge (non solo idiota ma quasi sempre fatta pure male), una serie di limitazioni spesso esiziali, una tassa extra, un qualche balzello...e ciao ciao al nuovo filone che si poteva cavalcare.
E così dopo il blocco di Uber che faceva generare un po' di ricchezza ai disoccupati che adesso sono tornati a girarsi i pollici...
vedi il mio post: UBER bloccato grazie alla vs. FallitaGlia Feudale...Contenti??!
ecco la legge per limitare "l'home restaurant" così anche le casalinghe che arrotondavano un po' il budget familiare possono smettere di generare quel po' ricchezza.
E tra un po' ti bloccheranno anche Airbnb, scommettiamo?
La "sharing economy" ha delle potenzialità enormi ed offre possibilità di creare valore laddove prima non c'era...
ma in FallitaGlia come al solito invece di cavalcarla al meglio ci mettiamo una bella PALLA AL PIEDE.

Io non commento più altrimenti farei un post solo di insulti e bestemmie...
dunque passo la parola ad una bella analisi da "The Fielder" (una delle rarissime fonti d'informazione liberali in Italia).
Solo una cosetta:
non sapevo che l'ideuzza di legge (idiota) fosse venuta al M5S...cioè quelli che, se ben ricordo, la smenano con la Rete, le rivoluzioni dal basso, le nuove opportunità date dal web, la sharing economy (appunto...) etc etc
In realtà come vi ripeto da tempo M5S è diventata ormai solo un'altra via del Declino come tutte le altre opzioni politiche oggi votabili...anzi...per certi versi pure peggiore/più cialtrona di altre.
Al di là della fuffa di marketing, in realtà la maggioranza dei grillini sono.......................

domenica 22 gennaio 2017

India batte "1984" di Orwel 4-0 (vediamo se almeno stavolta capite l'importanza del Bitcoin...)

E poi c'è gente che nemmeno sa ancora 
cosa sia il Bitcoin (e l'architettura di base = la blockchain)
e/o altri che ne hanno sentito parlare  
ma non ne hanno capito vagamente l'importanza 
e/o la portata veramente rivoluzionaria.

In estrema sintesi e semplificando:
BITCOIN = cripto valuta decentralizzata e fuori dal controllo "centrale"/delle lobbies
Architettura BLOCKCHAIN = struttura dis-intermediata, network peer to peer, sovranità personale, via di libertà.
Per la prima volta nella Storia Umana si può disporre realmente (anche se con tutti i limiti che ancora sussistono) di una moneta veramente "in mano tua", veramente "sovrana"....
Bene, questa possibilità è sempre più FONDAMENTALE
in un Mondo dove gli Stati sono sempre più Totalitari
insieme alle loro Banche Centrali
e nel nostro caso particolare in uno Stato sempre più vicino alla Bancarotta come FALLITAGLIA...
vedi mio post: Preparatevi per la Bancarotta dell'Italia (Vi siete preparati? No vero?...)
che dunque tra non molto sarà costretto ad applicare misure ECCEZIONALI e PESANTISSIME
vedi mio post: Altro che Lira...il Bitcoin potrebbe essere molto utile nel caso della sempre più prossima Bancarotta dell'Italia...
Pensate dunque al Bitcoin/Blockchain
anche collocandolo sugli (sempre più probabili) SFONDI a tinte fosche che vi sto prospettando
perchè il BTC si potrà anche limitare
ma NON SI PUÒ fermare/bloccare
se solo sapete vagamente come funziona una rete peer to peer a "nodi diffusi"/decentralizzata.

Per farvi meglio capire andiamo a vedere l'allucinante caso dell'India
ovvero una Nazione Sovrana
che dispone della Mitica Valuta Sovrana
controllata da una Banca Centrale Sovrana
che è pure sostanzialmente sotto il controllo della Politica (Governo) e del Ministero dell'economia... il sogno dei sovranisti de' noantri... 
(tra parentesi ed in piccolo...tanto ormai è roba zombie...a parte 4/5 Nazioni/Valute Top: .... Oggi, il governatore della Banca centrale dell'India è nominato dal Governo e risponde al ministro delle Finanze. Sua è però l’ultima parola sulla politica monetaria, dato che sta a lui decidere, dopo aver sentito il parere non vincolante di un comitato tecnico composto da membri della Rbi e da componenti esterni.....
Però man mano anche sulla gestione dei politica monetaria si vuole mettere la Banca Centrale Indiana sotto il completo controllo del Governo e della Politica... un Paradiso come ritengono tanti nostalgici italiani degli anni 70... http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2015-07-24/il-governo-indiano-vuole-controllo-tassi-d-interesse-152519.shtml?uuid=ACba32)
....Dopo la decisione di imporre un ban ed eliminare dalla circolazione l’86% del contante nel paese, il governo dell’India potrebbe essere pronto nei prossimi 3 anni anche ad imponenti limitazioni circa le carte di credito, quelle di debito, i bancomat e le altre forme di pagamento elettronico.....
I cittadini, secondo quanto affermato, inizieranno ad utilizzare i più moderni sistemi di pagamento biometrico. 
Ciò significa che gli indiani potranno finalizzare i propri acquisti semplicemente utilizzando le impronte digitali o lo scan della retina.....
Dopo il ban delle rupie di taglio maggiore, che ha avuto conseguenze disastrose sull’economia dell’India e ha gettato nel caos la popolazione, la scelta di abbandonare anche le carte di credito e i pagamenti elettronici sarà davvero azzeccata?...
Arundhati Bhattacharya, capo della State Bank of India,
ha confermato la possibilità di abbandonare i metodi di pagamento elettronici tramite carte di credito e simili. 

Una scelta del genere è estremamente realizzabile.....
in quanto 1.1 miliardi di persone - su un totale di 1.3 - hanno già registrato i propri dati biometrici all’interno del programma identificativo messo in piedi dal governo..
..
https://www.forexinfo.it/india-carte-di-credito-addio-ban-rupia-2020
#tictactictac
#micorreunbrividolungolaschiena

Nemmeno nel suo romanzo Cult "1984"....Orwell era riuscito ad immaginare tanto.... (mancavano ancora le tecnologie).
I dati Biometrici di base del cittadino gestiti da un DATABASE in mano al Governo e dunque alla Banca Centrale e dunque alle Banche etc etc
Tutto naturalmente in nome della .......................

venerdì 20 gennaio 2017

La farsa di un Paese Fallito/dissociato dalla realtà = il processo a Trani contro Standard&Poor's

Sì lo so....questo è un post di archeologia zombie...
ma un breve cenno devo farlo, perchè tra un po' con la sentenza tornerà alla ribalta questa surreale vicenda
e forse qualcuno potrò salvare dalle totali cazzate irrealistiche che leggerà in giro...

Come ripeto da tempo
una delle cause primarie del Declino Socio-economico dell'Italia
è il Declino Cognitivo....sommato ad un'accentuata dissociazione di massa dalla realtà.
Per questo come spiego da tempo
(a parte che per una minoranza consapevole e non-italopiteca)
fare analisi economico/finanziarie che spesso sono auto-evidenti
ormai è quasi inutile per la maggioranza italopiteca che rigetta la realtà ed un approccio pragmatico/adattivo.
Molto più utile sarebbe piuttosto un approccio psico-terapeutico di massa... ;-)

Il Processo a Standard&Poor's presso la Procura di Trani
si basa sulla supposta manipolazione dei mercati in occasione del doppio DOWNGRADE da A a BBB+ deciso da Standard &Poor’s il 13 gennaio 2012.
...L'inchiesta, che in un primo momento ha visto coinvolte anche Moody's (per cui poi i pm hanno chiesto l'archiviazione) e Fitch (finita in due processi paralleli), cerca di far luce sulle oscillazioni di borsa ritenute anomale tra il 2010 e il 2012, prendendo il via da un esposto di Adusbef e Federconsumatori.
Secondo la Procura di Trani, nel periodo tra maggio 2011 e gennaio 2012, i cinque imputati (l'ex presidente Deven Sharma e gli analisti Yann Le Pallec, Eileen Zhang, Franklin Crawford Gill e Moritz Kraemer) avrebbero posto in essere "una serie di artifici" tanto nell'elaborazione, quanto nella "diffusione" dei rating sul debito sovrano italiano "concretamente idonei a provocare" la destabilizzazione dell'immagine, prestigio e affidamento creditizi dell'Italia sui mercati finanziari; una sensibile alterazione del valore dei titoli di Stato italiani e un indebolimento dell'euro..
....Gli imputati - ha ricordato il pm all'inizio della sua discussione - sono accusati di aver fornito «intenzionalmente» ai mercati finanziari - tra maggio 2011 e gennaio 2012 - quattro report contenenti informazioni tendenziose e distorte sull'affidabilità creditizia italiana e sulle iniziative di risanamento adottate dal governo per «disincentivare l'acquisto di titoli del debito pubblico italiano e deprezzarne così il valore».
L'ultimo report sotto accusa è quello con cui S&P, il 13 gennaio 2012, decretò il declassamento del rating dell'Italia di due gradini (da A a BBB+).
Gli altri tre report sono: il taglio dell'outlook del debito sovrano italiano da stabile e negativo (20 maggio 2011); la diffusione della nota (primo luglio 2011) contenente valutazioni negative sulla manovra finanziaria correttiva del Mef; e il credit watch negativo sull'Italia (5 luglio 2011).
N.d.R. il MEF da anni spara solo cavolate poi sempre smentite dai fatti.... che Trani piuttosto metta sotto processo il MEF (provocazione retorica...)


Nel 2011 l'Italia «stava messa meglio di tutti gli altri» Stati europei,
ma da parte di S&P c'è stata «la menzogna, la falsificazione dell'informazione fornita ai risparmiatori» mettendo così «in discussione il prestigio, la capacità creditizia di uno Stato sovrano come l'Italia», ha detto il pm Ruggiero.
N.d.R. AH AH AH AH AH AH AH AH!...Non aggiungo altro....
Siamo di fronte
AD UN CASO MAXIMO
DI DISSOCIAZIONE ITALOPITECA DALLA REALTÀ:
questo caso è quanto mai SIMBOLICO, surreale, deprimente...
veramente ma veramente..............................................................

mercoledì 18 gennaio 2017

Viviamo in una delle migliori epoche della storia umana, per cui meno vittimismo e rimboccarsi le maniche...


In giro per la rete si leggono continue lamentationes
ci si lamenta su tutto: questo non va... quest'altro nemmeno ....si stava meglio prima
etc etc
In realtà secondo svariati indicatori il Mondo sta attraversando il migliore periodo della sua Storia (relativamente parlando...non vuol dire che tutto vada da Dio...anzi...)
però l'uomo oggi ha il Web che gli permette di leggere sempre di tutto, di essere iper-informato (spesso alla cazzo), di farsi gran pippe mentali e soprattutto di sparare qualunque minkiata su qualunque argomento anche se non ne capisce una fava....
Tutto questo dunque altera un po' la percezione della realtà
e ci rende dei lamentosi virtuali parecchio viziatelli...
che se solo leggeste la Malora di Fenoglio, in zone oggi ricche e con super-benessere, solo 70 anni fa si faceva una fame nera e senza l'iphone....
questa frase lo riassume in modo efficace e devastante:
....Tante di quelle volte, nella stalla, sul mio paglione, aspettando che mi si addormentasse la pancia perché potesse addormentarsi anche la testa....
Però adesso sta facendo "scandalo"
il solito studio preferito dal radical chic fatto con lo stampino...
che si sente in colpa per i bambini del Bangladesh
mentre ha già cambiato minimo 4 Iphone...
Un povero mondo di pochi ricchi - Oxfam Italia
Nel 2016, l'1% della popolazione mondiale possiederà più del restante 99%
Beh...non è esattamente così...
Lo studio Oxam andrebbbe messo un po' in prospettiva
oltre all'ideologia ed alle mode radical chic
che ti fanno tanto "umano" se dici certe cose...
altrimenti sei un cattivone insensibile neoliberista...
Però credere nelle caxxate in modo inesatto non è mai cosa buona, in ogni caso....
Ecco com'è invece in realtà..........................

lunedì 16 gennaio 2017

Rating FallitaGlia = Downgrade DBRS (persa l'ultima A...) = altro passo verso il Default

Prima di tutto una breve parentesi ma molto significativa
Nei giorni scorsi il P.d.C. Gentiloni ha rischiato di lasciarci le piume per problemi di cuore,
poi (pare) tempestivamente ed egregiamente risolti per tempo (oggi è tornato al lavoro)
La cosa però NON ha fatto MINIMAMENTE Notizia,
né mainstream né virale (né sui mercati)...
Fosse invece accaduto a Renzi invece sarebbe stata la News numero UNO...
Rifletteteci su
Io ho in mente almeno 3-4 interpretazioni.... ;-)

Bene andiamo avanti
IL DEFAULT dell'Italia si avvicina sempre di più, passo dopo passo....
mentre la maggioranza nemmeno se ne rende conto, anzi...
se glielo dici ti prendono ancora per matto.
E' il risultato della somma di DEFICIT COGNITIVO
(in Italia c'è il record del 47% di analfabeti cognitivi che potrebbe essere recentemente re-interpretato ad un 70% che non capisce nemmeno quello che legge - sempre che sappia leggere - ...analfabeti finanziari poi...minimo 99%)
e della DISSOCIAZIONE DI MASSA dalla REALTÀ, fenomeno complesso di psicologia di massa = finanza, economia, razionalità non servono più...basta sparare qualunque cazzata e la si prende per buona perchè si cerca solo uno schermo per negare la scomoda realtà e NON per affrontarla al meglio ed in modo più efficiente


L'ultima delle 4 agenzie di rating (la più sconosciuta e sfigatella...) che la BCE prende come benchmark
ha tolto la A a FallitaGlia
ed è passata anch'essa al livello di tripla BBB...
insomma sempre più vicino a spazzatura (JUNK).
Dopo vederemo cosa significhi in concreto tutto questo, anche se la massa già sbaverà.................