giovedì 14 febbraio 2019

ITALIA GIALLOVERDE, UNA LEHMAN BROTHERS AL CUBO (guest post)

ITALIA GIALLOVERDE, UNA LEHMAN BROTHERS AL CUBO
da miglioverde
di GERARDO COCO

Molti paesi nel mondo si trovano in situazioni critiche per enormi debiti o per situazioni di stallo o di conflitto politico, ma ciò che rende il nostro paese diverso è che non è indipendente ma si trova all’interno di un’unione monetaria e se subisse un tracollo, come terza economia, manderebbe all’aria tutti gli altri paesi membri compresa la valuta comune.
Sembra dunque di essere tornati al 2012, ma con una differenza cruciale: l’epicentro della crisi non è la Grecia ma l’Italia e non esistono risorse per salvarla.
L’Italia ha il maggiore debito sovrano d’Europa, totalmente fuori controllo.
Ha l’economia col rendimento peggiore: una crescita del Pil dell’1 percento a fronte di una spesa per interessi sul debito del 4 per cento, ergo una decrescita del 3 per cento.
Ha il peggiore problema di crediti inesigibili la cui dimensione è, grosso modo, quella dei subprime statunitensi di dieci anni fa.
La situazione italiana ha dunque il potenziale distruttivo e di contagio di una Lehman Brothers, ma al cubo.
Infatti, come qualche giorno fa ricordava Bloomberg, il debito pubblico italiano di 2.3 trilioni di euro minaccia di scatenare una reazione a catena che potrebbe coinvolgere Francia, Spagna e Germania, paesi le cui banche hanno in carico gran parte di questo debito e solo menzionarne la precarietà, scrive Bloomberg, fa venire i brividi agli operatori finanziari, specialmente dopo che l’economia italiana è scivolata ufficialmente in recessione.
Le banche francesi hanno un’esposizione enorme sul debito italiano ma quelle inglesi sono esposte verso quelle francesi, quelle spagnole verso le inglesi e così via.
È questa cascata a essere pericolosa…
Non facciamoci illusioni: con l’economia gialloverde l’Italia ha imboccato la strada del collasso definitivo se non imminente, inevitabile.
Quando sarà sempre più evidente che ....................

Conte Marionetta? VERO al 100%...che lo dica un belga un australiano un rettiliano o mia nonna...



Che vi posso dire?
è da tempo ormai che sostengo come la maggioranza del popolo italiano
sia del tutto ipnotizzata da questo Governo del Cambiamento (di 'sto caxxo)
sia sempre più dissociata dalla realtà e/o in negazione patologica della stessa
tutto viene buttato in tifo ultras senza la possibilità di un minimo di ragionamento razionale ed equilibrato, senza più alcun barlume di spirito critico.
A questo governo viene fatta passare qualunque cosa: tutto quello che fa è cosa buona e chi non lo capisce rientra automaticamente trai cattivi...
Vengono considerate OK anche cose assurde che se le avessero fatte Berlusconi od il Piddì........................

lunedì 11 febbraio 2019

La grande ONDA dei Profili FAKE sui social = più di una semplice ipotesi?

Secondo alcune fonti
i profili di facebook
(ma naturalmente anche di altri social)
sarebbero al 50% fake.
Aaron Greenspan, il primo inventore di un ‘facebook’, accusa Zuckerberg: ‘Il 50% degli utenti del social è falso’

Reality Check on Facebook

....Facebook has been lying to the public about the scale of its problem with fake accounts, which likely exceed 50% of its network.
Its official metrics—many of which it has stopped reporting quarterly—are self-contradictory and even farcical.
The company has lost control of its own product.
Fake accounts affect Facebook at its core in numerous ways:
- Its customers purchase advertising on Facebook based on the fact that it can supposedly target advertisements at more than 2 billion real human beings. To the extent that users aren’t real, companies are throwing their money down the drain.
- Fake accounts click on advertising at random, or "like" pages, to throw off anti-fraud algorithms. Fake accounts look real if they do not follow a clear pattern. This kind of activity defrauds advertisers, but rewards Facebook with revenue.
- Fake accounts often defraud other users on Facebook, through scams, fake news, extortion, and other forms of deception. Often, they can involve governments......
Pur non avendone le prove
provo ad illustrarvi la MIA IPOTESI della Grande ONDA di Profili Fake sui social
basandomi sulla mia esperienza e competenza nel settore + sul fatto che sono un Blogger Indipendente (uno dei pochi rimasti) che non le manda a dire a nessuno, di qualunque colore sia...
La cosa a me puzza sempre più di vero
e mi risulta più che evidente soprattutto nelle bacheche facebook dove si discute di politica fallitaGliana (personaggi politici, giornali, siti ect)
= si vedono un sacco di commenti piuttosto standardizzati in una certa direzione...
allora tu vai ad aprire i profili degli autori e vedi in tutta evidenza come siano profili FAKE costruiti "ad arte" seguendo alcune logiche a seconda dell'effetto che si vuole ottenere.
E' del tutto evidente se uno ha un minimo di esperienza (come me) nel settore
che NON sono profili "vissuti"
ma che c'è tutta una serie di multi-profili fake utilizzati "da una regia" per orientare in generale l'opinione dei social ed in particolare su certi temi/su certe bacheche mirate.
(Nota: magari in futuro vi spiegherò meglio come riconoscere questi profili "non vissuti" con una specie di decalogo)

All'avanguardia di tutto questo troviamo...............

venerdì 8 febbraio 2019

Dai! Mi metto anche io un cappellino da buffone così posso competere al meglio in FallitaGlia...


.
No comment .....
ormai non c'è più verso
gli argini sono stati aperti in pieno
e lo sdoganamento della merxx italopiteca
non solo è avvenuto
ma è diventato addirittura metodo di governo
(alla caxxo)
persino peggio di prima (e non era affatto facile)

AL PEGGIO NON C'E' MAI FINE
E NON FINIRÀ BENE...................

martedì 5 febbraio 2019

CALMA PIATTA (che sa di palude...) = il punto della situazione su bitcoin cryptovalute blockchain



Un mio video-sbrocco (calmo) che fa il punto della situazione sul mercato delle Cryptovalute
partendo da due episodi esemplari
1. la farsa (che si tinge anche di giallo e di "gomblodddo"...) del fondatore di uno dei principali crypto-exchange canadesi che muore giovane portandosi dietro l'unica password di dove venivano conservati 150-200ml di fondi dei clienti (che adesso pregano in aramaico per poterli recuperare...)
Cryptos: Crypto exchange customers can’t access $190 million after CEO dies with sole password 
2. la "mania" statalista centralista illiberale di volere usare la blockchain scollegandola dalla vera rivoluzione decentralizzata&libera del bitcoin per creare degli Stati ancora più illiberali in stile 1984 di Orwell...
"Per fortuna" che la blockchain (al di là della fuffa marketing che vi raccontano) realisticamente .....................

venerdì 1 febbraio 2019

Crolla l'indice PMI Manifatturiero = FallitaGlia adesso rischia di passare da una Recessione Tecnica a qualcosa di peggio...

IHS MARKIT PMI SETTORE MANIFATTURIERO ITALIANO
Le condizioni operative del settore manifatturiero peggiorano
al tasso maggiore in più di cinque anni e mezzo. L'indice crolla in territorio di contrazione a 47,8.
Sesta contrazione mensile consecutiva della produzione e dei nuovi ordini. Per la prima volta in più di quattro anni crollano i livelli occupazionali. I prezzi di vendita diminuiscono per la prima volta da ottobre 2016.....
Le condizioni del settore manifatturiero in Italia peggiorano al livello maggiore da inizio 2013 per via della forte riduzione dei nuovi ordini e quindi del più rapido declino della produzione.
Inoltre, per la prima volta in più di quattro anni diminuisce il livello occupazionale. Sul fronte dei prezzi, conseguentemente all’aumento più debole dei costi di acquisto dell’attuale sequenza di inflazione di 29 mesi, per la prima volta da ottobre 2016 crollano i prezzi di vendita.
L’Indice PMI® (Purchasing Managers Index®) IHS Markit del settore manifatturiero italiano, che con una singola cifra mostra gli sviluppi delle condizioni generali del settore, a gennaio si è attestato a 47.8, al di sotto quindi della soglia di non cambiamento di 50.0 per il quarto mese consecutivo.
L’indice di gennaio è crollato da 49.2 di dicembre e segna il peggioramento maggiore dello stato di salute del settore da maggio 2013.....
Oltre all'ingresso "ufficiale" di FallitaGlia in RECESSIONE come certificato ieri da Istat che però delinea un quadro del passato,
ecco che anche il FUTURO diventa NERO con un crollo MITOLOGICO dell'Indice leading indicator PMI Manifatturiero che già era in contrazione da mesi e mesi.
A gennaio 2019 siamo di fronte ad un CROLLO IN TERRITORIO DI NETTA CONTRAZIONE A 47,8 (!) con tutti i sotto indici che sono negativi compresa occupazione&nuovi ordini (che è il sub-indice che anticipa i mesi successivi).
Io sono stato trai primi analisti indipendenti ad anticiparvi almeno 8 mesi fa che FallitaGlia stava per scivolare .................

mercoledì 30 gennaio 2019

Di Maio&Di Battista: le "mxxxx" non sono i padri ma i figli!



In 'sto video-sbrocco sono veramente incaxxato...
Vergogna! ....
Come al solito cerchiamo di uscire dagli schemi del lavaggio del cervello da lavatrici a 6 programmi che vi hanno inculcato...
altrimenti buona IPOCRISIA/DISTRAZIONE DI MASSA
e soprattutto #BUONAPROSECUZIONEDIDECLINO

Intanto mentre i padri imprenditori sono costretti a scusarsi con i figli fannulloni
che li ................

venerdì 25 gennaio 2019

"Capracrazia" = Potere alle Capre!


.
Ecco il mio ultimo video-sbrocco in diretta facebook (qui in versione youtube)
anche se sarebbe il caso di chiamarli piuttosto video-scazzi...
tanto ormai il trend del Declino e della distruzione della Meritocrazia è ben definito,
la maggioranza è del tutto ipnotizzata dissociata dalla realtà
ed al peggio non c'è mai fine.
Il CAMBIAMENTO non è questa roba qui...
Il CAMBIAMENTO poteva e doveva essere DIVERSO
Ma tutto torna: è un lungo percorso che ormai dura da 20 anni - come descrivo nel video - che......................

martedì 22 gennaio 2019

E come tutti gli anni...si ripete il rito della "mezza bufala" del rapporto Oxfam sulle diseguaglianze

Rapporto Oxfam 2019: aumenta il divario tra ricchi e poveri nel mondo
Ed anche quest'anno come tutti gli anni si ripete il doppio rito....
1. si tiene il World Economic Forum di Davos con tutti i politici, i potenti, i ricconi, i mandrapponi globalist della Terra
(gente che spesso ha creato ricchezza per un sacco di gente...bene inteso! In questo blog nessuno fa lo pseudo-moralista collettivista pauperista con invidia sociale da frustrati)
2. e proprio in concomitanza con Davos....l'ONG (ma non sono diventate tutte cattive? Almeno quelle che hanno a che fare con i migranti?...) Oxfam rompe come tutti gli anni i marroni in stile Savonarola 4.0 con il suo rapporto moralista che invariabilmente afferma che il divario ricchi/poveri nel Mondo è ancora più aumentato,
che 4 cagnolini di 4 top miliardari (brutti&cattivi) sono più ricchi dell'intero continente africano,
che bisogna redistribuire con più foga, collettivizzare, moralizzare e - perché no? - magari anche espropriare la ricchezza con qualche bella patrimoniale...etc etc
In realtà questo benedetto rapporto della ONG Oxfam è minimo una FORZATURA e massimo una BUFALA....
ma viene regolarmente rilanciato su tutti i mass media mondiali
ed il 99.99% della gggente alla fin fine legge solo i titoloni roboanti...
per poi lanciarsi ..........................

lunedì 21 gennaio 2019

Lo Stato "ha vinto": chiudo la partita IVA e....


Vi riporto una della tante storie di disperazione che provengono dalla "parte produttiva" del Paese...
quella che non riesce più a produrre ricchezza e spesso nemmeno a sopravvivere, schiacciata da tasse record e da burocrazia allucinante
quella che non viene "cagata" da nessuno perché dal punto di vista elettorale pesa molto meno per es. dei quasi 18 milioni di persone che dipendono da pensioni INPS (ecco perché prevalgono sempre politiche "assistenzialiste" come anche oggi con quota 100 e reddito cittadinanza)
quella che la propaganda "statalese" ha dipinto come "tutti evasori".
Comunque lo Stato non ha vinto ma ha perso, guadagnando solo un po' di tempo...
perché un Paese nel quale su 10 persone 3 ne mantengono 7...prima o poi è destinato al fallimento (tanto più con un trend demografico da ospizio).


"LO STATO HA VINTO, CHIUDO LA PARTITA IVA E .. "

1.non dovrò più umiliarmi in banca per spiegare che il mio bilancio fa schifo, non perché non so lavorare ma perché i clienti non pagano
2. non dovrò più essere costretto ad usare i fidi bancari a tassi osceni
3. non dovrò più pagare quote associative ad associazioni che alla fine dei conti ti aiutano solo ad adempiere agli obblighi
4. non dovrò più pagare il commercialista e il consulente del lavoro
5. non dovrò mai più pagare avvocati
6. non dovrò più comprare marche da bollo da 14,62 e poi da 16,00 per il libro giornale e il libro inventari
7. non dovrò più pagare il canone per le licenze dei software
8. non farò più la comunicazione dati iva
9. non farò più la dichiarazione modello unico e non pagherò più l’irpef
10. non farò più la dichiarazione irap e non pagherò più l’irap
11. non pagherò più gli f24 per l’inps e l’inail
12. non dovrò mai più richiedere un durc
13. non dovrò mai più ...........................

giovedì 17 gennaio 2019

ECO-tassa: per arrivare là dove nessuna decrescita (in)felice è mai giunta prima...

Premessa: appena si è saputo che FCA inizierà a sbaraccare da 'sto Paese di sbiellati, i mercati hanno reagito positivamente ed il titolo è rimbalzato in borsa ;-)
L'avete voluta la decrescita (in)felice condita pure di pseudoecologggismo da sbiellati invasati viziati radical chic di società opulente e decadenti? (il Piddi ha passato "il testimone" agli ancora più sbiellati M5S ma l'alveo è sempre quello)
Eccovi serviti!
Che la FCA post-Marchionne non vedeva l'ora di sbaraccare da FallitaGlia dove ormai è impossibile fare business (tutte le aziende e gli investimenti stanno scappando via)
ed adesso hanno pure il pretesto ... ed un pretesto ben fondato visto che FCA in Italia spesso o ha margini risicati oppure lavora in perdita
ma super-Sergio aveva comunque mantenuto un "Piano di Investimenti Italia" cercando di utilizzare il più possibile gli impianti italiani e di mirare alla piena occupazione.

Non perdere il mio post: Cerchiamo di smontare un po' di minkiate "ideologggiche" italopiteche che girano su Marchionne...
Dopo Marchionne - al quale molti italopitechi lobotomizzati ideologizzati fuori dal Mondo hanno augurato peste&corna...incluso di essere morto soffrendo (segui il link) - la situazione era già delicata...
come spiegavo nei miei profetici post
Inoltre va considerato anche il contesto di rallentamento globale e dell'eurozona (Germania inclusa),
 l'Italia sull'orlo della 3° recessione in 10 anni,
il crollo delle vendite di auto in Italia negli ultimi 3 mesi (e non solo nel nostro Paese).
La produzione industriale crolla a novembre: -2,6%, maggior calo da ottobre 2014. Per l’auto -19%
Alla fine della fiera tutte queste decisione politiche vengono prese sulla base di ideologie pseudo-ecologiste radical chic e con seri dubbi di fondatezza,
visto che le auto ormai influiscono ben poco sull'inquinamento
e che le auto elettriche NON rappresentano ancora la soluzione per svariati motivi
(tra parentesi un vero mercato di queste auto, se tutto va bene, si svilupperà minimo tra il 2030 ed il 2040) e forse non saranno mai la soluzione.


Non voglio entrare nella questione che divide il web in infinite discussioni tra tifoserie opposte,
mi permetto solo di riportarvi alcuni link che mostrano un punto di vista differente
rispetto a quello maggioritario .........................

venerdì 11 gennaio 2019

Il bello della "sharing economy": Supermercato24 ed i "personal shopper"



Ho appena sperimentato il servizio di Supermercato24, la startup di successo con il personal shopper che ti fa la spesa e te la porta a casa.
Una figata (!) che dimostra come anche in FallitaGlia si possano lanciare business di valore, innovativi, basati sulla sharing economy e sulla massima elasticità del mercato del lavoro etc ...
 almeno fino a quando un "Giggino qualunque" non viene a spaccarti il caxxo, a bloccare tutto con leggi idiote/anacronistiche, mirando ad un mitico ritorno agli anni '50 che non esistono più ed all'assistenzialismo fallito di Stato.
Dunque ssssttttt che magari a qualcuno viene in mente di sputtanare anche Supermercato24
come hanno già fatto con Airbnb, Home Restaurant, NCC, Uber, Foodora etc etc etc
Vedi miei post
Riassumendo funziona così:
vai sulla APP o sul sito web,
scegli nella tua zona il supermercato che preferisci,
riempi il carrello ed ordini ...............................

martedì 8 gennaio 2019

Ed i PIR per i PIR-la si stanno rivelando per quello che vi anticipai 2 anni fa = un PACCO

Un detto dice "Lo stupido e i suoi soldi si separano presto"...
l'italiota poi se ne separa in modo ancora più cretino, emotivo e superficiale
considerando la massa di analfabeti funzionali che in Italia è da record (47%)
ed in campo finanziario poi saranno ben di più = il 95% minimo minimo... ;-)
ma tutti belli "orgoglioni" e soprattutto ideologizzati-ad-minkiam in totale dissociazione dalla realtà.

Ebbene i PIR (per i PIR-la come li soprannominai quasi due anni fa) si stanno rivelando (logicamente) un PACCO
I piani individuali di risparmio (in acronimo PIR) sono una forma d'investimento incentivata fiscalmente in Italia. Sono stati introdotti nell'ordinamento italiano con la legge di stabilità 2017 per aumentare gli investimenti nelle aziende italiane mediante il risparmio delle persone fisiche italiane.
dopo aver avuto un successo stratosferico nel 2017
Fondi italiani, è boom di sottoscrizioni. Grande successo dei PIR
con pompaggio mediatico allucinogeno
marketing sfrenato da parte di banche, promotori etc etc in stile vendita 3x2
propaganda governativa di aiuto patriottico alla nostra economia...tanto che ti do pure l'incentivo fiscale ehhh perché te lo meriti visto che investi i tuoi risparmi per il bene della Patria
Tutti a pompare che era un prodotto per famiglie, sicuro, una figata per investire il risparmio privato nell'economia naziunalleeee e non sulla cattifa globalizzazione, sui crucchi di m, sulla finanza cattifa etc etc

Io smontai come al solito in netto anticipo ed in svariati miei POST
TUTTE 'STE MINKIATE e 'sta fuffa marketing
che poi sono quei post che vi salvano il culo  (mentre ormai la massa vuole leggere solo 2 righe su twitter o 5 su facebook)
perché a questo serve l'informazione finanziaria indipendente, libera, oltre ai luoghi comuni ed alla propaganda
che soprattutto vi fa capire le cose in netto anticipo e non babbo morto quando non lo puoi più negare perché ormai è auto-evidente.
Ma tanto chissenesbatte
= IL PARCO BUOI nella massa ci casca sempre in percentuale sufficiente di fronte alla potenza di fuoco mass-mediatica ed istituzionale
ed i Blog come il mio sono nicchia che ne salva pochi consapevoli, beccandomi ancora peste&corna da destra a manca...

Vedi il mio post di MAGGIO 2017
PIR per i PIR-LA + Cartolarizzazioni accelerate = pacchetti&contro-paccotti di merda&risotto
che evidenziava
- i rischi di eccessiva "localizzazione" dell'investimento in PIR = scarsa diversificazione geografica, con conseguente concentrazione del rischio sul sistema Italia.
- la scarsa liquidabilità ed elasticità di gestione
- gli esosi costi commissionali (ecco perché tutti a pomparli in banca e dintorni)
- lo specchietto delle allodole dell'incentivo fiscale (la fiducia nello Stato continua ad essere incrollabile...sia per una pervasiva propaganda sia perché 60%/70% degli italiani dipendono dallo Stato in modo diretto od indiretto)
- i bassi rendimenti rispetto al rischio
etc etc etc
Che poi se andiamo meglio a vedere............................

sabato 5 gennaio 2019

Quello che veramente conta è "l'ascensore sociale" (che in Italia è "fermo")

In una FallitaGlia ferma al '68
- che finalmente, invece di venire solo santificato, viene messo in seria discussione per esempio qui: 1968, nascono grillismi e populismi. Meritocrazia? No, grazie -
prevale ancora una visione distorta&ideologica di UGUAGLIANZA,
dei (mitici) diritti acquisti (!),
di collettivismo con media al ribasso, di meritocrazia&competitività che sono viste quasi come delle colpe "da rapaci" etc etc
il tutto rinverdito dallo slogan a 5 stelle "uno vale uno".
In realtà - detto in termini "tecnici"... - sono tutte minkiate che - in modo contro intuitivo rispetto al lavaggio del cervello dominante - danneggiano proprio "i più deboli" che vengono bloccati/mantenuti nella loro situazione "di inferiorità"/di invidia sociale proprio dalla gabbia corporativa dei diritti acquisiti e delle forzature illiberali assistenzialiste.

Quello che in realtà veramente conta è l'ASCENSORE SOCIALE che in FallitaGlia è FERMO,
quello che veramente conta è la possibilità di potersi valorizzare&realizzare al meglio (soprattutto sei sei più bravo&volonteroso),
di uscire dalla Gabbia potendo cogliere al meglio le occasioni
e NON di farsi mettere come conigli nella gabbia dell'assistenzialismo che ti schiaccia lì...permettendoti al massimo di tirare a campare.
Per ottenere un efficace ascensore di mobilità sociale però è fondamentale la LIBERTÀ ECONOMICA
che in Italia è sotto al livello del Kirghizistan (secondo l'indice economic freedom - clicca sull'immagine per ingrandirla).
E' importante che sia diffusa una mentalità libera, pragmatica e basata sulla responsabilità personale.
Invece è tutto ingabbiato in un corporativismo statalista assistenzialista ideologizzato fuori dal mondo, cristallizzato a 50 anni fa...mentre nel frattempo tutto il Mondo è cambiato.
Risultato?
I conigli in gabbia anche se gliela apri NON escono.
Chi invece ha veramente CORAGGIO va a valorizzarsi.......................

mercoledì 2 gennaio 2019

FallitaGlia: il 25% della popolazione paga l'87% delle tasse = ma ma...allora la redistribuzione dall'alto verso il basso c'è già anche senza la #manovradelpopolo...


Io tutte le volte che sento parlare di "redistribuzione dall'alto verso il basso"
da parte dello statalista "di turno" demagogo populista assistenzialista pseudo-catto-comunista con il culo degli altri (ed intendo l'ultimo in ordine temporale, quello "oggi più di moda" rispetto ad un'infinita serie)
MI GIRANO I COCONES A MILLE
visto che in FallitaGlia
oltre a tasse reali ad un 70% da record mondiale,
c'è già una mostruosa re-distribuzione via tassazione 
che si applica da chi produce valore&ricchezza per tutti (sempre più 4 gatti che ormai non ce la fanno neppure più..)
a chi soprattutto è un peso, un parassita e/o un fallito a produttività/valore aggiunto sotto-zero (maggioranza), che però vive in un mondo tutto suo, ideologizzato ad minkiam...
tra invidia sociale ed una para-cultura di diritti acquisiti & di bufale cut&paste...
utile però a scaricarsi la coscienza dalla propria responsabilità personale atrofizzata&negata per non sputarsi in faccia allo specchio tutte le mattine.

Ve lo spiegavo al livello delle Bufale collettiviste pauperiste globali nel mio post
La (mezza) bufala dell'1% di "Paperoni" ricco come il restante 99% del Mondo
dove - dopo aver smontato la bufala imperante che tanto va di moda per far sfogare il poppppolo contro i ricchi brutti&cattivi -
come corollario viene fuori che per esempio in USA l'1% paga più tasse del 90% del resto della popolazione...
Ma dai????! Chi l'avrebbe mai detto...Un 1% di "ricchi" che mantiene i servizi statali per un massa di più poveri? Pazzesco ehhhhh??! ;-)

Passando a FallitaGlia
= il 25% della popolazione "in maggioranza più ricca" paga l'87% delle tasse...
Ma ma....
allora la redistribuzione dall'alto verso il basso c'è già via tassazione (ferocemente) progressiva
anche senza................................

giovedì 27 dicembre 2018

Le legioni di "imbecilli social" e la crisi della Democrazia Classica

"I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli". Parola di Umberto Eco che attacca così internet .....
"Prima – ha detto Eco - parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività.
Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l'invasione degli imbecilli".

Per Eco il web sarebbe un vero e proprio "dramma" perché promuoverebbe "lo scemo del villaggio a detentore della verità".
La struttura di internet, secondo Eco, favorirebbe infatti il proliferare di bufale. (anno 2015)
Io tempo fa pensavo che Umberto Eco esagerasse perché i social sono un MEZZO
e dunque come ogni mezzo possono essere usati bene o male.
Pertanto nella polarizzazione tra "apocalittici" ed "integrati", io mi posizionavo in modo neutrale.
Invece è passato del tempo e mi rendo conto come man mano il web - ma in particolare i social - siano veramente diventati in maggioranza un Bar Sport con platea potenzialmente infinita...ed anche uno dei peggiori Bar Sport...con ubriaconi, gare a chi spara la bufala più grossa, gomblodddiiiii, scazzottate di gruppo e competizioni di rutti&scoregge ;-)
Ma il problema principale è che queste "legioni di imbecilli" hanno poi diritto di voto: ne riparleremo verso la fine di questo post.

Probabilmente in parte la cosa è collegata alla sempre maggiore diffusione del web che prima coinvolgeva un'avanguardia spesso esperta in specifici argomenti&passioni (dunque competente),
coinvolgeva "esperti del settore" che condividevano la loro conoscenza...........................

giovedì 20 dicembre 2018

Se potessi avereee 1000 lire (turche) al meseeee....

Vi racconto una storia: c'era una Professoressa universitaria Turca amica di una mia amica che era venuta in Italia non molto tempo fa per un seminario di 6 mesi all'università italiana.
Nessun problema di disponibilità economica né di stare nella "cara Italia".
Passa non molto tempo e la sovranissima Turchia con moneta sovrana non riesce comunque ad evitare una CRISI nera che già vi descrissi...
Approfondite per bene e poi andiamo al finale della storia ;-)
https://www.facebook.com/stefano.bassi.758/posts/10157876065682281
Ma ma ma? Come?!
Non aveva la sovranità monetaria & la Banca Centrale sempre più sotto il controllo della politica ( = "Il Capitano" Erdogan) e dunque del popolo?? ;-)
Non stava godendo dei miracolosi effetti della svalutazzzzione gombedidiva? :-)

........Rispetto al trimestre precedente il Pil è sceso dell’1,1 per cento, cosa che potrebbe preludere a una recessione tecnica se anche nel quarto trimestre l’economia sarà in contrazione.
La Turchia, uno dei principali mercati emergenti, fino a pochi anni fa considerato un riferimento per lo sviluppo di tutta l’area del vicino oriente, nel 2017 ha fatto registrare un’espansione superiore al 7 per cento.
Quest’anno però il crollo della lira ha fatto aumentare i costi degli alimentari e del carburante costringendo la Banca centrale ad alzare al 24% il tasso di riferimento.
Il settore delle costruzioni, che a lungo aveva tratto benefici dalla facilità di trovare finanziamenti, ha interrotto la sua corsa con una contrazione del 5,3% anno su anno, che ha quasi annullato la crescita del 4,5% dei servizi.
La crescita dei consumi privati, che rappresenta circa i due terzi dell’economia, è precipitata quasi di sei volte.....
«Gli effetti della crisi valutaria di agosto hanno portato l’economia della Turchia a contrarsi nel terzo trimestre e anche elementi recenti suggeriscono che la crisi si è approfondita nel quarto trimestre»....a causa dell’impatto negativo della stretta monetaria sulle condizioni finanziarie, della riduzione degli investimenti e della propensione al consumo con la perdita del valore della lira e dell’inflazione elevata».....
La lira ha ceduto il 28% rispetto al dollaro quest’anno (e anche oggi a metà pomeriggio sta perdendo lo 0,5%), ma ha recuperato dai minimi di agosto quando aveva perso il 47% del suo valore sulla moneta statunitense.
La crisi della lira ha portato l’inflazione annuale a oltre il 25% in ottobre, il livello più alto degli ultimi 15 anni, prima di rallentare a novembre.....
Un’economia in difficoltà è una grande complicazione per il presidente Erdogan, che ha costruito il suo successo sulla crescita sovralimentata con stimoli e risorse pubblici.
Gli analisti si aspettano un allentamento della politica monetaria e fiscale per sostenere i consumi delle famiglie, anche se questi sforzi potrebbero essere vanificati dall'aumento continuo dei prezzi.....
https://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-12-10/la-turchia-non-cresce-piu-crollo-lira-e-inflazione-pesano-pil-154957.shtml
Non perdere anche by Phastidio: Turchia verso la recessione: Erdogan paga il conto del doping economico


Ma torniamo al finale della storia: l'amica italiana dice oggi alla sua amica professoressa universitaria turca......................

martedì 18 dicembre 2018

Vi ricordate quando Giggino voleva "spiekare" a Mario Draghi come "funzia 'o spread"?

Il 15 Dicembre scorso Mario Draghi, Presidente della BCE,
ha ricevuto dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa la laurea honoris causa
ed ha fatto la sua lectio magistralis... che è veramente magistrale.
La trovate integralmente nel video che ho pubblicato sul mio canale youtube:
vale la pena di sentirsela dall'inizio alla fine, che quando parla Super-Mario...bisogna sempre ascoltare con attenzione.


.
Il bello è che quell'Università è in buona parte un covo di ekonomisti komunisti sovranisti che sparano bufale tipo "lo spread non esiste"...e se esiste sarebbe colpa di Draghi che non continua a fare il QE.
Draghi da una bella lezione a tutti
perché, che ci piaccia o no...................

sabato 15 dicembre 2018

Spuntano le "stable coin" (soprattutto con sottostante in USD) come funghi nel bosco dopo la pioggia...

Spuntano le stable coin (soprattutto con sottostante in USD) come funghi nel bosco dopo la pioggia.
Stable al quadrato, al cubo...mi ricorda la bolla delle ICO, ma rispetto a quella...non capisco come "fare a farci" tanti bei soldoni, in valuta fiat ehhh ;-)
Se vuoi capire che cosa siano, leggi qui: Tassonomia ed elenco esemplificativo delle stablecoin
Il problema è che le stable coin per esempio in dollari nulla hanno a che fare con le vere cryptovalute come il bitcoin.
Non a caso ci facciamo pure prendere per il culo dai NO-bitcoin che colgono l'assist a porta vuota e che ci spernacchiano...ma fanno bene!
Noi saremmo i sostenitori della rivoluzione bitcoin e poi siamo (quasi) tutti lì...con le vecchie valute fiat ri-ciclate sulle blockchain e che sono garantite da valute fiat garantite dalle banche centrali, detenute su conti correnti tradizionali su banche tradizionali...uhhh già....
A parte rari puristi, in massa ed a livello di coerenza sembriamo tanto quei rivoluzionari col Rolex ...ah ah ah!
Però bisogna anche saper essere sempre PRAGMATICI
e le stable coin per esempio in USD offrono numerosi vantaggi ...............

martedì 11 dicembre 2018

I problemi esistono in giro per il mondo ma FallitaGlia purtroppo è l'unica ad averli quasi tutti assieme..

Come purtroppo sono costretto ad anticiparvi&ripetervi da tempo di fronte alla semplice analisi della REALTÀ
#NOHOPEFORTHISITALY
Infatti molteplici CAUSE disegnano una Parabola Strutturale del Declino che dura da 35 anni e che - non a caso - si configura come un trend ben consolidato.
vedi il mio post: Il Declino dell'Italia che dura da 35 anni è un fenomeno multicausale: chi lo semplifica ad un singolo fattore è un cialtrone
Del resto basta guardare alla storia dell'Italia come Nazione e si conferma che #NOHOPEFORTHISITALY,
in particolare nel contesto Globale iper-competitivo che si è venuto a creare.
Semplificando
- Il processo di unificazione nazionale guidato dai Savoia è stato uno dei più sballati ed inefficienti tra gli Stati Nazionali moderni: pertanto si è formato un abominio di Stato Centralista Unitario che non funziona né per il Nord né per il Sud, con un federalismo aggiunto alla caxxo/superficialmente che peggiora solo le cose (Nota: tutti i processi di unificazione nazionale sono violenti e/o prevaricatori, avvantaggiando maggiormente alcune parti e svantaggiandone altre. Dico solo che peggio dell'Italia era difficile).
- Fummo gli inventori del Fascismo in Europa tanto che lo stesso Hitler vedeva Mussolini come un Maestro. Il bello è che il nazismo nacque&si affermò in una Germania realmente "alla canna del gas" tra pesantissime richieste di risarcimenti di Guerra, crisi economica, masse di ex-soldati allo sbando ed alla fame, iper-inflazione da libri di Storia etc etc
Il fascismo in Italia nacque per un processo complesso/stratificato ma non basato su una situazione sistemicamente disperata come altrove
- Dopo la caduta del fascismo si passò da (quasi) tutti fascisti o comunque non ostili al fascismo...al primo partito comunista del blocco occidentale... dunque si passò da una concezione ILLIBERALE ad una concezione persino più ILLIBERALE (perché prevede persino l'eliminazione della proprietà privata). Tutti ad inneggiare a pugno chiuso gente come Togliatti che per es. difese a spada tratta la sanguinosa repressione dal parte dei carri armati sovietici dei moti di Budapest del 1956.
- L'alternativa di maggioranza era la DC ovvero una cosa che si chiamava Democrazia Cristiana...il che è una contraddizione in termini visto che si prefiggeva una politica che si ispirasse alla religione&alla morale cattoliche, che però - come quasi tutte le religioni - è ILLIBERALE, gerarchica, non democratica, con regole non modificabili etc
- Successivamente si sviluppò la stagione delle Brigate Rosse dove chi la pensava diversamente e/o obiettivi ritenuti strategici per realizzare la rivoluzione proletaria venivano assassinati o gambizzati 
- Il resto è poi storia recente... da tangentopoli a Berlusconi (che si dichiarava liberale...a parole...), al Piddì, alla Lega di Salvini al Movimento 5 Stelle = tutte manifestazioni ILLIBERALI STATALISTE ASSISTENZIALISTE IDEOLOGIZZATE (in modo dissociato dalla realtà) e con una cronica carenza di spirito liberale, pragmatico, di adattamento = la politica è solo lo specchio della maggioranza del popolo italiano.
Questo breve excursus serve solo a far capire che razza di cialtroni, analfabeti funzionali, dissociati dalla realtà, illiberali, creduloni del primo pifferaio magico che promette miracoli senza dover cambiare
sono in maggioranza gli Italiani = come sorprendersi dunque che credano oggi alle cialtronate a 5 stelle od a quelle di Salvini? Come ieri credevano a Renzi etc etc?
AL PEGGIO NON C'È MAI FINE.
#NOHOPEFORTHISITALY
#BUONAPROSECUZIONEDIDECLINO

---------------------------------------------

Vi lascio ad una DEVASTANTE quanto perfetta analisi dell'economista Michele Boldrin
che fa veramente IL PUNTO DELLA SITUAZIONE ITALIOTA (non concordo solo su alcune parti)
Tanto...per quel che serve.....
La parte di valore del Paese si sta man mano de-localizzando: queste analisi servono solo a far fare click a quelli che ancora non l'hanno fatto.
Per il resto la DERIVA è inarrestabile.

Incompetenti, irresponsabili e fascio-comunisti
da https://www.thewisemagazine.it

Come giudica la manovra finanziaria del governo “gialloverde”?
«La giudico ridicola! Non si capisce cosa contenga, a parte misure assurde come la terra da coltivare per il terzo figlio…
Ma ora leggo che hanno stralciato le loro grandi promesse: la quota 100, la flat tax e questo “mitico” reddito di cittadinanza!
Da quello che ho capito il condono edilizio per Ischia, dove evidentemente qualcuno deve avere qualche interesse personale, lo hanno infilato nel provvedimento per il ponte di Genova, che peraltro non ha stanziamenti…
È una cosa completamente ridicola, fatta solo di annunci e non di provvedimenti concreti!
È ormai anche palese agli osservatori indipendenti che le previsioni governative sulla crescita del reddito nazionale e sul gettito fiscale sono false o quantomeno inventate.
Al momento l’intero DEF manifesta una certa tendenza a mentire e una ignoranza tremenda della materia, oltre a una forte confusione

Non hanno idea di come si governi, e la cosa non mi sorprende.
Il debito pubblico italiano, di per sé, non è la fine del mondo, e questo lo dico anche al mio collega Cottarelli che spesso usa toni troppo catastrofici a riguardo.
È senza dubbio alto, non va aumentato ma va tenuto sotto controllo operando per aumentare il PIL: bisogna concentrarsi sul far crescere il Paese, non bisogna continuare a fare deficit come invece questa manovra fa.
Tale manovra non porterà ad altro che all’aumento del debito senza contemporaneamente stimolare la crescita: è una follia!

L’unica cosa che fanno è sottrarre soldi a generazioni future e presenti (o almeno a quelli che pagano le tasse…) per darli .................................