domenica 9 luglio 2017

Le "casette" hanno una data di scadenza come lo yogurt... ed infatti una casa su sei è a rischio...


Come spesso accade
l'informazione indipendente del mio blog (anche se scomoda&urticante)
si mostra fondata, preveggente
e dunque assai utile, se non salvifica...

Vi ricordate il mio post di qualche tempo fa?
Lo sapevate? Molte "casette" italiane oltre che zombie...hanno pure una DATA DI SCADENZA
Mettevo a nudo "un segreto (di Pulcinella) ben nascosto" nel già depresso/iper-tassato mercato immobiliare italiano
= moltissime casette che gli italiani comprano tutti felici di aver fatto l'affare della vita...magari anche indebitandosi per 20 anni con un mutuo
beh... hanno una data di scadenza come lo Yogurt...
e comporteranno enormi costi di ri-consolidamento strutturale nel caso si riveli possibile...
se no tutti a rifugiarsi nei camper abbandonando l'affare della vita...
Citavo anche i problemi del cemento armato etc
LEGGETEVI O RILEGGETEVI IL POST sopra citato

Et voilà...
L’annuncio di Delrio: "Case, sarà obbligatorio il certificato di stabilità"
Un'abitazione su sei è a rischio. Per il ministro delle Infrastrutture "serve adesso un salto di qualità culturale"
Dopo la tragedia di Torre Annunziata vengono i brividi a leggere certe statistiche.
Come quella secondo cui in Italia una casa su sei è a rischio................
.

Brividi che condivide pure il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, da almeno due anni alle prese con quello che definisce "un problema culturale".
E per affrontarlo ora ha in serbo una sorpresa per la prossima legge di stabilità che entrerà in vigore nel prossimo anno: imporre la certificazione statica dell'edificio o dell'abitazione nei contratti di natura immobiliare.
"Com'è obbligatoria la certificazione energetica, nei contratti d'affitto o di compravendita lo sarà anche quella statica", dice il ministro.
Da vent'anni si cerca inutilmente di affrontare il problema dei rischi di un patrimonio immobiliare spesso fatiscente.
Ma l'introduzione del cosiddetto libretto del fabbricato, un documento che certifichi lo stato di cose reale delle nostre case è stata sempre bloccata con la motivazione (ufficiale) dei costi. ....
--------------------------------------------------------------------------------------
A proposito di fonti indipendenti di informazione...
ma Veramente non hai ancora letto
il Manuale Wiki-Blog 
(ed un po' Wikileaks)
= Una Guida ragionata all'informazione indipendente di economia&finanza della rete...
??????????
Ecco qui cos'è 
e come ottenerlo
http://www.ilgrandebluff.info/2016/10/il-manuale-wiki-blog-e-prontoooooo.html

---------------------------------------------------------------------------------------

Insomma tenete conto anche di questo FATTORE non trascurabile
prima di fare "l'affare della vita"...ispirati dalla mania tutta italiana della casetta di proprietà
che potreste trovarvi a dover sostenere costi INGENTI per la riqualificazione strutturale dell'edificio
che poi non è una cosa che si fa fischiettando... mentre ti guardi la partita svaccato nel divano con frittatone di cipolle e rutto libero...
ma potrebbe comportare lo SGOMBERO della Palazzina + lavori anche molto lunghi/complessi
mentre nel frattempo ve ne state in albergo a spese vostre... ;-)

Il mercato dovrebbe man mano prezzare anche questa VARIABILE STRUTTURALE
che renderà molte casette quasi invendibili
(già buona parte del mercato immobiliare italiano di provincia è quasi senza mercato)
vedi mio post: Ipse dixit: "Oggi da noi non c'è più un mercato immobiliare"... (io ve lo anticipo da anni)
e/o le farà crollare ulteriormente a valori da catapecchie (quali in effetti sono..)
Ma il mercato immobiliare italiano è composto dagli acquirenti più fessi irrazionali e maniacali del globo
uga uga voglio il mattone che sale sempre non tradisce mai non scompare e lo lascio a mio figlio
dunque mi sa che tanta gente si prenderà tante belle "sole" ...
con la soletta che poi magari ti cede...
vedi mio post: Uga uga...io genitore italopiteco compro casa a mio figlio a max 100mt da me...così almeno gli lascio qualcosa (sì...una palla al piede...)

.