Ultimi Post

venerdì 19 agosto 2011

La Tempesta Perfetta!


Di passaggio dalla mia Blog-Trincea....non mi resta che prendere atto di come (purtroppo o per fortuna....)
tutta una serie di previsioni messe in campo dalla parte sana&competente della Blogosfera economico-finanziaria si stiano rivelando esatte.
Ma di base non erano nemmeno previsioni difficili: bastava voler vedere....
Nota: nei prossimi giorni sarò maggiormente presente nel Blog anche se solo a mezza forza.
E non perdete di vista il mio Twitter....


Uno vero e proprio Faro nella Nebbia di questa Grande Crisi
è stato il Blog di Icebergfinanza: il suo autore Andrea Mazzalai è stato uno dei primi ad individuare con estrema lucidità e competenza
le linee di faglia del terremoto al quale stiamo assistendo da 3 anni a questa parte.
Perchè sia ben chiaro:
la Grande Crisi non è mai finita ed è sempre la STESSA che sta tornando fuori,
dopo la Ripresa APPARENTE indotta
dal più grande scaricabarile della storia dal debito privato a quello pubblico
e dal tamponare una Crisi da eccesso di Debito con ancora più Debito...
vedi due esempi a caso tra le centinaia di PROFETICI POST che potete trovare nel mio BLOG
ad Aprile 2009:
Il più grande scarica-barile della storia
od ancora a Dicembre 2009 Boom Boom Debiti Pubblici: ci è arrivato anche il WSJ

E' solo normale che i Blogger indipendenti&competenti possano avere delle differenze di opinione, anzi è una ricchezza ulteriore della Blogosfera.
Ma tutto questo avviene nel rispetto reciproco e spesso si condividono cose ben più importanti.
Discorso ben diverso è cercare "d'immunizzarvi" dai fuorvianti gossips che ormai hanno invaso anche la Blogosfera economico-finanziaria, ma questa è un'altra storia...

L'ultima analisi di IcebergFinanza è esemplare per lucidità e sintesi: sono le cose che Andrea predica da 4 anni e fischia, anche quando tutti gli davano della Cassandra.
Un grazie al Capitano.
Ecco alcuni estratti del suo articolo:

LA TEMPESTA PERFETTA...THE PERFECT STORM! Ieri mentre osservavo quello che stava accadendo sui mercati finanziari internazionali, scorrendo i titoli di molti articoli e notiziari internazionali come per magia all'improvviso, la tempesta perfetta si è materializzata, un titolo riportato più volte per identificare questa autentica depressione economico/finanziaria.
Non importa i termini che la politica o i media amano utilizzare, non importa quelli che sono i riferimenti tecnici accademici per determinare un determinato evento economico, stagnazione, recessione o contrazione, grande o piccola che sia, ma questa è una depressione economica, questa è un'autentica tempesta perfetta, ma soprattutto come amo spesso ripetere una immensa crisi antropologica prima che economico/finanziaria.

Non importa quello che dice il presidente degli Stati Uniti o il presidente attuale dell'unione europea, non c'è recessione, non cadremo mai in recessione...
questa è una recessione, tutti i paesi del mondo, Cina e Germania compresi stanno danzando sul vulcano della recessione!
Ieri l'indice manifatturiero di New York, oggi quello di Philadelpia devastante!
Meno trenta punti non si verificava dal marzo 2009.
Crollo della domanda e dell'indice delle spedizioni, inventari e tempi di consegna, tutto in territorio negativo, in evidente contrazione ma soprattutto l'occupazione scesa di ben 14 punti mai accaduto in un anno e i sussidi di disoccupazione che non scendono ostinatamente sotto la linea della speranza........
Serve ben poco fare analisi macroeconomica oggi, dopo quattro anni passati a raccontare ogni segreto di questo uragano, ma qualche considerazione, sugli ultimi dati la faremo lo stesso.....

Tutti gli indici di consumo segnalano depressione e dal cilindro magico della banca centrale americana non uscirà più alcun coniglio bianco, come non servirà alcuno stimolo fiscale.

Una recessione, una depressione è come una malattia che aiuta a cancellare gli eccessi, unutile combatterle con altra liquidità, solo il tempo cancella gli eccessi ed un lungo periodo di riflessione, di rientro dal debito generalizzato ci attende.

Loro ci proveranno ma non ci riusciranno, perchè sono medici che hanno fallito la diagnosi, continuano a sommministrare le stesse medicine e non hanno inventato alcuna cura miracolosa se non la socializzazione delle perdite e la privatizzazione dei guadagni.

Una devastazione morale impressionante, una normale crisi economico/finanziaria che è stata amplificata da un numero incredibile di frodi e manipolazioni tuttora in corso in un sistema finanziario basato principalmente sull'inganno e sull'avidità o sulla presunzione di onnipotenza, supportato da una dilangante ignoranza finanziaria ed economica.
......mafie finanziarie e gruppi di pressione che quotidianamente saccheggiano l'economia reale ......
Tutto il sistema finanziario è sull'orlo del fallimento esclusa la parte sana che non ha partecipato a speculazioni ed orge finanziarie in questi anni.
Il sistema finanziario mondiale è fallito!
Questo sistema è fallito!
Sino a quando non comprenderanno che è impossibile ristrutturare questa enorme massa di debito, se non attraverso la nazionalizzazione o il fallimento di alcuni soggetti finanziari e sovrani, non usciremo mai da questa tempesta.

Azionisti ed in parte obbligazionisti di banche e paesi sovrani devono accettare la responsabilità del rischio sottoscritto.

E' ridicolo che una Finladia qualunque chieda garanzie per fare l'elemosina alla Grecia, non si ha la percezione di quello che sta accadendo.

La Grecia è fallita come sono fallite le banche tedesche che hanno prestato capitali per la Grande Illusione!
.....Ma di cosa stiamo parlando, l'investimento azionario nel lungo termine è morto, morto in un mercato dove manipolazioni e frodi abbondano!
Date un'occhiata a quello che sta accadendo al decennale americano, che ha sfondato la barriera del 2 % di rendimento, livello visto solo nel panico post Lehman e che richiama la Grande Depressione!

Comunque sia non è il momento di farsi prendere dal panico.

E' importante essere consapevoli di quanto sta accedendo e ricordarsi che il mondo non finisce qui.
Anche se i fondamentali dell'economia sono quello che sono, è importante ricordare che "loro" amano il panico, hanno bisogno del panico come dell'aria per respirare ...

11 commenti:

ventopiumoso ha detto...

amen...

Anonimo ha detto...

Caro Stefano,
bentornato! Man mano che la crisi procede, comincio a guardare sempre più avanti per cercare di capire quello che capiterà, e un pensiero comincia ad affiorare con prepotenza nella mia mente, due parole: guerra mondiale... Ne parla anche Francesco Sisci nell'ultimo dei suoi articoli. Da qui non si esce senza un evento che cambi completamente il pianeta, e alla svelta. Dovremmo essere in grado di rivoluzionare le nostre economie, riportare le produzioni in Occidente, riequilibrare le demografie... ma come si fa? Ci sono 7 miliardi di persone su questo pianeta, in un sistema economico che richiede ad ogni passaggio sempre MENO manodopera. Nessuno sa che farsene di svariati MILIARDI di persone in India, Cina, Africa, Sudamerica, mondo arabo ma anche in Europa e USA. Abbiamo problemi sistemici molto, molto più gravi di quelli degli anni 30. Chissà quanti ragazzi tedeschi, o russi nati negli anni 1910-30 pensavano di invecchiare e vivere serenamente le loro vite, e invece... Forse le nostre vite saranno più corte di quello che pensiamo. Robert

CNN - Breaking News ha detto...

Qualche commento su Paul Krugman che invoca una invasione dei marziani - vera o inscenata - per rilanciare l'economia?

http://www.youtube.com/watch?v=E1Fzzs7oVaA

Anonimo ha detto...

Temo che questa volta stia andando veramente tutto in malora e i grandi enti regolatori non hanno più cartucce da sparare.

A questo punto decideranno chi salvare e chi dovrà soffocare nel guano.

Le possibilità sono due
1) Default a catena di tutti (stati, banche, enti)
2) super mega inflazione che cancelli tutti i debiti e lascerebbe una scia di macerie.

La Germania (l'unica che comanda in Europa) non vuole nessuna delle due ma dovrà scegliere.

Danneggiare i poteri forti (default) o danneggiare il popolino (inflazione) ?

Mi sa che ce lo ricorderemo a lungo questo 2011.

Anonimo ha detto...

"un pensiero comincia ad affiorare con prepotenza nella mia mente, due parole: guerra mondiale"

Meglio tardi che mai.

Vedrai che fra qualche settimana sentirai certi blogger dire che "l'avevano sempre detto loro".

Anonimo ha detto...

Forse è il caso di darsi una letta a Leap 2020, oltre al sempre in forma Beatotrader.
Complimenti da un morto di fame.

Beatotrader ha detto...

caro robert
grazie per il bentornato...
ma sono solo di passaggio....
anche se nei prossimi giorni un computer a portata di mano dovrei avercelo...;-)

ciao

Anonimo ha detto...

I tuoi articoli sono come il primo caffe' della mattina: se non ci sono la giornata comincia zoppa.
Ottimo Mazzalai, di cui consiglio vivamente il libro.
Spero che il buon Robert, di solito cosi' preciso nelle sue analisi, questa volta si sbagli... in fondo la tripla quadratura Plutone-Giove-Saturno e' ormai alle nostre spalle e non ci dovrebbero piu' essere problemi gravi fino al 2020.

Hasta y
§uerte

Anonimo ha detto...

C'è da aggiungere che quanto riportato da Iceberg è stato scritto alcuni anni fa, nel 2003, dal pazzoide di Lyndon LaRouche che aveva previsto pedissequamente proprio quanto sta accadendo in questi ultimi anni. Come al solito essi sono Cassandre e come al solito si dirà che prima o dopo qualsiasi cosa finisce, ma una cosa è che finisca natruralmente ed un'altra è che finisca per mano di criminali che assoggettando governi, istituzioni e regole internazionali hanno creato le condizioni ottimali proprio per l'attuazione della Tempesta Perfetta. Ricordiamoci che in questo momento ci sono moltissimi che perdono vagonate di miliardi e pochi altri che invece li guadagnano.
Pedro

Anonimo ha detto...

La colpa e' si' del sistema capital-egoistico che si e' creato, ma una grande colpa che servira' come miccia per dare fuoco alle polveri e' l'introduzione dell'euro , moneta che non rappresenta nessuno, anni fa osannata ed ora maledetta da tutta europa. L'euro sara il capro espiatorio del grande crack che deve arrivare, gli USA con il loro dollaro ne usciranno piu' forti di prima perche' tutti i flussi cercheranno il fly to quality USD -CHF-YEN, mentre l'europa dovra' ritornare ante-euro. Non ho ancora trovato nessuno che mi spieghi perche' i tedeschi debbano pagare 47 mld. in piu' di interessi con gli eurobond ogni anno. Penso che non trovero' mai nessuno.

Anonimo ha detto...

I need an euro, euro, an euro is what I need, hey hey...

Posta un commento